ENTHRONED – Carnage In Worlds Beyond

Pubblicato il 19/09/2002 da
voto
8.0
  • Band: ENTHRONED
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta:
  • Distributore: Audioglobe

A volte ritornano… quando ormai sembrava che anche gli Enthroned fossero destinati ad entrare nel cimitero delle band gloriose decadute, ecco una diabolica resurrezione dalla portata devastante! “Carnage In Worlds Beyond” è molto più di un ritorno in grande stile, è un’unione blasfema di thrash e black metal, un’unione che sa di presagio: il Sigillo del Male approva questo demoniaco sposalizio e lo pone come guida verso la nuova alba del black metal. Il black metal sinfonico ormai è un lontano ricordo, la nuova strada è tracciata col sangue. I Marduk hanno ormai perso il loro mordente originario, ma il testimone delle legioni d’assalto del black metal è passato a gruppi come Nargaroth, Behexen, Tsjuder, Sorhin ed Enthroned, appunto. Una fusione del thrash più aggressivo e del black metal gelido e privo di melodiche armonie non poteva essere congegnata in modo migliore. “Infernal Flesh Massacre”… come non sentire gli echi di un capolavoro come “Diabolical Fullmoon Mysticism” misto al piombo fuso sgorgante dalle mitragliatrici dei Sodom di “Agent Orange” e dalla polveriera “Pleasure to kill” dei Kreator? Non a caso il producer dell’album in questione è quella leggenda vivente di Harris Johns (produttore degli album thrash sopra menzionati). Con “Bloodline” continua a scorrere il sangue black metal, rivitalizzato dal supporto incredibile di un drummer di tutto rispetto: Alsvid (già batterista della black metal band Seth); la song è incentrata su un riff maestoso che si trasforma in assolo superbo mentre il ritmo incalzante vi trascinerà in un violento headbanging. Ma se ho appena esagerato nel descrivere le vostre reazioni nell’ascolto di “Bloodline”, allora cosa dovrei dire di “Jehova Desecration”?! L’odio scorre in queste nere note, e non in una singola canzone, bensì in tutto l’album. Azzeccata la scelta (e non solo per i nostalgici degli albori della band) di inserire “Diabolic Force”, song prelevata dal demo della band che risale al lontano 1990, riproposta in versione ‘moderna’ (ma nemmeno troppo): evidenti qui, più che altrove, le influenze thrash di stampo germanico sulla band belga. Gli Enthroned sfoderano un lavoro forgiato dalle più potenti fiamme: ad un ascolto distratto può sembrare un maldestro tentitivo di inchinare il black metal al thrash, ma sarebbe un’interpretazione del tutto fuorviante e la controprova sta in “Graced By Evil Blood”: epicità soffusa che serve solo ad evidenziare il killer riffing di una band che, finalmente, è giunta dopo tanti e troppi anni ad una dimensione adulta. Il “Carnage In Worlds Beyond” è già iniziato e sta per arrivare anche nel nostro mondo… siete pronti all’Armageddon? Bentornati Enthroned!

TRACKLIST

  1. Boundless Demonication
  2. Infernal Flesh Massacre
  3. Spawn From The Abyss
  4. Bloodline
  5. Jehova Desecration
  6. Diabolic Force
  7. Land Of Demonic Fears
  8. Radiance Of Mordacity
  9. Graced By Evil Blood
  10. Carnage In Worlds Beyond
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.