ENTHRONED – Obsidium

Pubblicato il 02/04/2012 da
voto
7.0
  • Band: ENTHRONED
  • Durata: 00:40:17
  • Disponibile dal: 20/03/2012
  • Etichetta: Agonia Records
  • Distributore: Masterpiece

Possiamo tornare a tirare un profondo respiro di sollievo. Gli Enthroned si sono ripresi prontamente dal torpore che li aveva assoggettati sul penultimo album “Pentagrammaton”, release mediocre per un gruppo del calibro del più famoso quartetto belga in circolazione. La formazione è rimasta la stessa, ma sul nuovo “Obsidium” il gruppo di Nornagest ritrova il suo lato più occulto e violento. Indubbiamente su questo prodotto è stato fatto un grande lavoro, le atmosfere sono curate nei minimi dettagli e sono di vitale importanza per la creazione avvolgente di un’aura arcana ed opprimente. Bravi qui gli Enthroned ad enfatizzare il proprio rituale sonoro con brevi ma imponenti cori di stampo monastico. L’eresia si sparge rapida lungo i quaranta minuti che compongono “Obsidium”, prodotto che si candida a classificarsi nei primi posti delle top release black metal del nuovo anno. Quando ormai tutti davano per scontato che la dipartita di Lord Sabathan dalla line up avesse rappresentato per gli Enthroned un’accentuazione degli influssi thrash metal nel trademark del gruppo, ecco arrivare in “Obsidium” la più clamorosa delle smentite. In effetti, sul nono studio album del quartetto belga il segno lasciato dagli elementi thrash metal è davvero insignificante (forse la sola “Oracle Ov Void” sembra conservare un retaggio del recentissimo passato), se paragonato agli altri lavori, soprattutto al predecessore “Pentagrammaton”. Nel 2012 gli Enthroned dimostrano tutta la qualità e la ‘reputazione’ che un gruppo storico del black metal può ancora offrire sull’altare del sacrificio. Tutti i brani della nuova opera sono offerte votive che appagheranno i demoni infernali nonché i fan di nuova e vecchia data della band. La velocità è un elemento chiave su questo CD e bravi sono stavolta gli Enthroned a sviluppare interessanti e morbose atmosfere (e riff di chitarra) senza sentire il bisogno di rallentare il ritmo per creare un pathos più intenso (ad eccezione della conclusiva e non esaltante “Thy Blight Vacuum”). Lo screaming di Nornagest è nella norma, ma in questo caso il rimpianto della mancanza di un Lord Sabathan si fa sentire parecchio. Dell’ennesima rinascita di questo gruppo, la cui carriera è costellata di alti e bassi, c’era proprio bisogno in tempi di magra (per il black metal) come questo.

TRACKLIST

  1. Sepulchred Within Opaque Slumber
  2. Nonus Sacramentvm (Obsidium)
  3. Horns Alfame
  4. Deathmoor
  5. Oblivious Shades
  6. The Final Architect
  7. Petraolevm Salvia
  8. Oracle Ov Void
  9. Thy Blight Vacuum
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.