ENTRAPMENT – Imminent Violent Death

Pubblicato il 11/05/2019 da
voto
6.5
  • Band: ENTRAPMENT
  • Durata: 00:29:51
  • Disponibile dal: 11/05/2019
  • Etichetta: Dawnbreed Records
  • Distributore:

Album, concerto e addio. Questo, in sintesi, il programma finale degli Entrapment, la one-man band olandese che, in occasione dell’imminente Graveland Open Air, calerà definitivamente il sipario sulla propria carriera, suonando il suo ultimo show in contemporanea al rilascio del qui presente “Imminent Violent Death”. Sorto nel 2009 in quel di Groningen, il progetto firmato in tutto e per tutto da Michel Jonker, dopo un inizio ‘dedicato’ alle sonorità di vecchio stampo made in swedish death metal, ha virato verso un death’n’roll meno estremo (“Through Realms Unseen”) in cui le trame rockeggianti hanno preso il sopravvento sulla furia malinconica espressa in precedenza. Due binari che si sono infine riallacciati in questa quarta e conclusiva release: una trentina di minuti che riassumono in maniera esauriente quanto proposto dal polistrumentista olandese in questi dieci anni di attività.
Ci sono gli Entombed, ci sono gli Asphyx, ci sono i Dismember, come pure gli Obituary e i Master; tutti ovviamente chiamati in causa con i dovuti paragoni. Un omaggio finale a coloro che hanno ispirato il buon Jonker arrivando quasi ad intrappolarlo in un turbinio ipnotico di idee dal quale, volente o nolente, ha sempre desistito dall’allontanarsi rinunciando così ad un’evoluzione più personale ed innovativa. Che sia questo limite la causa principale dell’addio alle scene degli Entrapment, non lo sappiamo con certezza; ciò che abbiamo invece tra le mani è appunto questa sua ultima testimonianza. Se i rimandi al death d’oltreoceano si rispecchiano nell’opener “Mortality Unleashed”, il chiaro decadimento dei connazionali Asphyx risale nella successiva “Incantation Of The Grotesque”, inspiegabilmente ridotta a poco meno di due minuti. Tipicamente ‘autopsyano’, dal sapore grezzo e crudo, “Sanctifying Putrescent” e “Malicious Predominance” seguono perfettamente la via percorsa sino ad oggi da Jonker il quale, a conti fatti, ha preferito giocare con l’usato sicuro senza rischiare, come detto, di avventurarsi in altri lidi. Scelta comoda, per carità, ma che, a conti fatti, come testimoniato dalle quattro produzioni rilasciate, non ha giovato sul curriculum della band stessa. Un pilota automatico che ha proseguito imperterrito per dieci anni sino alla conclusiva “Process Of Dehumanization”, proclamando così il congedo definitivo. A Michel Jonker va il più classico degli ‘in bocca al lupo’ e un arrivederci… magari con qualche idea in più.

TRACKLIST

  1. Mortality Unleashed
  2. Incantation Of The Grotesque
  3. Sanctifying Putrescent
  4. Malicious Predominance
  5. Sacrilegious Congregation
  6. Imminent Violent Death
  7. Morbid Habitation
  8. Process Of Dehumanization
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.