EPHEL DUATH – Pain Remixes The Known

Pubblicato il 30/09/2007 da
voto
7.5
  • Band: EPHEL DUATH
  • Durata: 00:42:55
  • Disponibile dal: 30/09/2007
  • Etichetta: Earache
  • Distributore: Self
Incontro decisamente fortunato per gli Ephel Duath, uno dei progetti più importanti in ambito post-metal che l’Italia abbia mai partorito, che sulla propria strada incrociano Eraldo Bernocchi, abilissimo manipolatore sonico reduce da esperienze variegate (colonne sonore, remix, sonorizzazioni, collaborazioni) e spesso sorprendenti per qualità e personalità. In questo caso Bernocchi (che, tanto per citare un lavoro recente, ha fatto meraviglie sul disco dei Black Engine collaborando con gli Zu) si trova a lavorare a remix di materiale proveniente da “Pain Necessary To Know”, ultimo disco del gruppo di Davide Tiso. Il risultato è un album programmaticamente eterogeneo, in cui convivono basse frequenze dub e schegge drum n bass, minimalismo al limite del glitch e furiosi rimpasti jazz-core. Il tutto è positivamente straniante, come se dall’assenza di continuità emergessero con ancora maggiore evidenza le personalità di compositori e remixer; in definitiva, il disco suona tanto Ephel Duath quanto Bernocchi, arrivando a configurare un suono che sembra nutrirsi delle contraddizioni che, con orgoglio, esibisce.

TRACKLIST

  1. Hole I
  2. Hole II
  3. Hole III
  4. Hole IV
  5. Hole V
  6. Hole VI
  7. Hole VII
  8. Hole VIII
  9. Hole IX
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.