EPITAPH – Claws

Pubblicato il 03/10/2017 da
voto
7.5
  • Band: EPITAPH
  • Durata: 00:41:26
  • Disponibile dal: 22/09/17
  • Etichetta: High Roller Records
  • Distributore:

Gli Epitaph sono un altro oscuro frammento di metallo italiano, nato nel 1987 dalle menti di Mauro Tollini e Nicola Murari, entrambi reduci dall’esperienza con i Black Hole (il cui debutto “Land Of Mistery”, datato 1985,  diventerà negli anni a seguire un vero cult album) e dal progetto Sacrilege. I veronesi registrano una manciata di demo tra la fine degli anni ’80 e la metà dei ’90, che però non hanno molta fortuna, al punto che il progetto viene accantonato.  Ma recentemente le cose cambiano e i tempi sono finalmente maturi per accogliere il doom dalle tinte dark dei Nostri, che si riformano e tornano a calcare i palchi, dando alle stampe nel 2014 il debutto “Crawling Out Of The Crypt” (e possiamo dire che mai titolo fu più azzeccato). Se in quel caso si trattava per la maggior parte di materiale scritto molti anni prima, così non è per questo “Claws”,  interamente composto dagli Epitaph del nuovo millennio. Il sospetto che una ventina (abbondante) di anni lontani  dalle scene possa aver condotto la band a scelte  inutilmente moderniste, magari per tentare di mascherare la scarsa ispirazione cade dopo pochi minuti: “Gossamer Claws” conferma  che il sound dei veneti  è ancora quell’oscura fusione tra incedere doom sabbathiano, chitarre heavy dal tocco NWOBHM e linee vocali che sanno di dark anni ’80 (Bauhaus e Christian Death su tutti). E’ difficile scegliere un brano sugli altri, “Claws” è un disco omogeneo ma non informe, che vive di atmosfera (la melliflua “Wako The King”, dark ballad dal sapore prog) e dinamismo (la rocciosa “Sigizia”,“Declaration Of Woe”).  La band appare in ottima forma e in particolare la prova di Emiliano Cioffi dietro al microfono è magistrale: espressiva e versatile, la sua voce ci guida e ammalia, graffiando quando deve. Anche la produzione risulta adeguata ad una proposta che, pur vivendo di suggestioni che non appartengono a questi giorni, riesce a non suonare datata. Questo è il grande pregio di una band che ha saputo e sa tutt’ora creare qualcosa di personale senza innovare assolutamente nulla, ponendosi fuori dal mucchio di cloni dei grandi dell’heavy-doom del passato. E possiamo, per questo, definirla band ‘storica’ (e non invece ‘vecchia’, differenza sottilissima ma sostanziale). Bentornati.

TRACKLIST

  1. Gossamer Claws
  2. Waco the King
  3. Sizigia
  4. Wicked Lady
  5. Declaration of Woe
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.