EREB ALTOR – Järtecken

Pubblicato il 13/09/2019 da
voto
7.5
  • Band: EREB ALTOR
  • Durata: 00:47:40
  • Disponibile dal: 23/09/2019
  • Etichetta: Hammerheart Records
  • Distributore: Audioglobe

Mentre una pioggerella intensa risuona gelida nel buio della notte, le misteriose note di “Avguadadyrkans Väg” ci accompagnano lungo sentieri tenebrosi. Il ritmo tribale scandisce i nostri passi mentre una voce fiabesca s’interseca tra i fitti rami della foresta svedese: cupi presagi si addensano all’orizzonte in tutta la loro maestosità. Un corvo, in primo piano, sembra voler lanciare un avvertimento e sullo sfondo, in perfetta sintonia con la vegetazione circostante, due lupi dagli occhi di ghiaccio avanzano minacciosi. E’ un quadro sublime e tetro quello rappresentato dalla cover del qui presente “Järtecken”, ottavo lavoro firmato dagli Ereb Altor, a due anni di distanza dall’ultimo “Ulfven”. Un full-length che, pur seguendo il filo ‘bathoryano’, da sempre ispiratore del gruppo di Gavle, ha finalmente impresso quel marchio di personalità spesso latente o comunque coperto dall’ingombrante figura sonora del sommo Quorthon.
La mistura viking/blackened riversata lungo i dieci brani presenti in tracklist, conferma la volontà degli Ereb Altor di perseguire linee atmosferiche in cui gli ambienti epici e pagani si mischiano agli strali più violenti e maligni. Un connubio ben sottolineato dal continuo alternarsi di clean/scream messo in atto dal frontman Mats, supportato a dovere dal compagno Ragnar e dal bassista Mikael. Album che vede nelle vesti di protagoniste assolute le tastiere: presenti in maggior quantità rispetto ai precedenti lavori, arricchiscono il pathos generale senza risultare ingombranti o, in senso opposto, sostitutive di mancati arrangiamenti. Un “Järtecken” che, come sottolineato in sede di presentazione, oltre a far sorridere lo stesso Quorthon nel regno del Walhalla e a compiacere i fan di gruppi come Grand Magus, Primordial, Enslaved e Wardruna, segna il passo decisivo della band svedese in grado di trovare la famosa quadratura del cerchio. Ma non solo: nel giro di una ventina di giorni, infatti, la coppia formata da Crister Olsson (alias Mats) e Daniel Bryntse (Ragnar) ha bissato il successo di “Dystopia” rilasciato a fine agosto dall’altra loro realtà più cupa, gli Isole.
Scendendo nei particolari, dopo l’intensa opener descritta ad inizio recensione, l’articolata “Queen Of All Seas” riflette la dimensione generale dell’intero full-length, suddiviso in trame più dirette e passaggi più riflessivi ed introspettivi. E se le scariche più estreme, comunque ben dosate, arrivano da “Alliance In Blood” e dalla successiva “Chained”, è la complessa “Hvergelmir” a trasportare la mente lungo i torrenti più scoscesi ed intricati, interrotti solamente dall’imperturbabilità delle fredde pietre runiche. Complessità maligna e malinconica che si abbracciano un’ultima volta nella soave “With Fire In My Heart”: sette minuti passionali in cui entrano in gioco tutte le componenti tipiche degli Ereb Altor. E chiudiamo pure un occhio se in alcuni pezzi, “My Demon Inside” e “Prepare For War”, il songwriting lascia un po’ a desiderare, con “Järtecken” il gruppo scandinavo ha inquadrato il proprio obbiettivo, portandolo degnamente a compimento.

TRACKLIST

  1. Avgudadyrkans Väg
  2. Queen Of All Seas
  3. Alliance In Blood
  4. Chained
  5. My Demon Inside
  6. Prepare For War
  7. Hvergelmir
  8. With Fire In My Heart...
  9. And Blood On My Hand
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.