ESKIMO CALLBOY – Rehab

Pubblicato il 12/11/2019 da
voto
6.5
  • Band: ESKIMO CALLBOY
  • Durata: 00:34:35
  • Disponibile dal: 01/11/2019
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Sony

Se la Germania ha dato un contributo fondamentale alla difusione del metalcore made in Europe, grazie a gruppi seminali come Heaven Shall Burn e Caliban, altrettanto importante è il ruolo giocato dall’asse tedesco-giapponese nella diffusione del sottogenere electronicore a partire dagli anni ’10 (dopo l’ammunitamento dei padrini Enter Shikari e Attack Attack), trainato dai vari Eskimo Callboy, Crossfaith, We Butter the Bread with Butter e To The Rats And Wolves. La formazione della Ruhr, arrivata con “Rehab” al quinto full-length, può essere a buon diritto annoverata tra i veterani del genere e, fermo restando l’ignoranza dei testi ironicamente sessisti, con il penultimo “The Scene” ha trovato il perfetto mix tra ritmiche metalcore di terza categoria, tunz tunz da Number One e doppio cantato pop-rap. Tenendo fede al titolo del nuovo album, Sushi e soci sembrano essersi disintossicati dagli eccessi che ne hanno segnato i primi lavori, approdando ad un pop-electro-core formalmente perfetto ma fin troppo patinato per chi si è innamorato di loro con “We Are The Mess” o “Crystals”. Intendiamoci, canzoni come “Hurricane”, “Rehab” o “Okay” conservano la loro sana dose di tamarraggine, là dove i frangenti più ignoranti di “It’s Going Down” o “Nice Boi” sono credibili come una puntata di Jersey Shore. A conferma di questa nuova veste ancora più mainstream, tra gli episodi migliori in scaletta figurano “Supernova” e “Prism”, vicine per intenzioni e risultati a Panic At The Disco e Fall Out Boy più che a qualsiasi gruppo core. Assimilata la parziale virata stilistica, “Rehab” resta comunque un lavoro divertente: da gustare, complice la durata di poco superiore alla mezz’ora, come uno shottino prima di una serata di sano casino senza troppi eccessi.

TRACKLIST

  1. Take Me To
  2. Rehab
  3. It’s Going Down
  4. Hurricane
  5. Disbeliever
  6. Okay
  7. Made By America
  8. Supernova
  9. Lost
  10. Nice Boi
  11. Prism
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.