ETERNAL DELYRIA – Letting Go Of Humanity

Pubblicato il 31/08/2016 da
voto
7.0
  • Band: ETERNAL DELYRIA
  • Durata: 00:48:50
  • Disponibile dal: 19/06/2016
  • Etichetta:
  • Distributore:

Sestetto ticinese al battesimo del primo album, questi Eternal Delyria bazzicano tra gli innevati territori del melodeath scandinavo, presso la cara vecchia scuola di Gotheborg che sembra ancora ben lungi dal chiudere i battenti. Lievemente sfiduciati dall’artwork terribilmente amatoriale e da un titolo piuttosto scialbo, veniamo però colti di sopresa da questa autoproduzione, realizzando come I Nostri siano sì degli scolari presso l’affollato ateneo dei vari Friden, Stanne, Lindberg e via dicendo, ma comunque da considerare tra i primi della classe. Questi nostri cugini d’oltralpe infatti presentano un lavoro ricco di spunti e soluzioni, ben scritto, suonato e prodotto, regalando a tratti degli episodi davvero sopra le righe (la splendida “Growing Roots”, che riporta alla mente i Dark Tranquillity di “Projector”, oppure la atmosfere opera horror di “Eradication of Solitude And Despair”), mantenendo comunque l’attenzione sempre alta durante tutto il corso del platter. Il combo svizzero ha un suono piuttosto maturo a dispetto del’età anagrafica del progetto, e presenta all’ascoltatore un prodotto piacevole e variegato, che regala qua un momento più pestone, e là una divagazione neoclassica, sempre mantenendo una dimensione di ascolto decisamente ‘easy’ e tenendo il groove sempre in pompa magna. Ad ogni modo, mentre abbiamo una prima parte di tracklist granitica e quasi sempre a segno, dopo l’interludio da spartiacque la situazione cambia muta sensibilmente,  andando i Nostri a diluire un po’ troppo il minutaggio degli ultimi pezzi con alcune soluzioni jolly adoperate in precedenza (leggasi divagazione sinfoniche che tolgono un po’ di presa ai pezzi, ed un’alternanza growl/screaming non sempre al top di forma). Ma alla fine sono peccatucci veniali che si possono tranquillamente perdonare a band esordienti. A parte questo, un debutto davvero convincente per i Ragazzi del Cantone. Da fare vostro quanto prima per dare un po’ di tregua ai numi tutelari della scena.

TRACKLIST

  1. Praeludium
  2. A Heavy Heart at Sundown
  3. Faith Misplaced
  4. Growing Roots
  5. Eradication of Solitude and Despair
  6. Interludium
  7. Chasing Shadows
  8. Regrets
  9. Self-Destruction
  10. Plagued
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.