EVER-FROST – Undefined Colors

Pubblicato il 02/06/2016 da
voto
6.5
  • Band: EVER-FROST
  • Durata: 00:25:21
  • Disponibile dal: 02/15/2016
  • Etichetta:
  • Distributore:

A tre anni dal primo full-length, i deathster modenesi Ever-Frost tornano con un EP di cinque pezzi (quattro più intro). “Undefined Colors” (questo il titolo) parte molto bene con “The Hive Mind”, pezzo che alterna parte tiratissime ed un quasi midtempo: il riffing ci rimanda alla vecchia scuola americana, quella della Florida, ed in alcuni passaggi ai Death, band che ritorna anche per le venature prog presenti nel sound dei cinque emiliani. Dobbiamo dire che questo segna un po’ un distacco dalle sonorità più tipicamente svedesi degli esordi, ma questa “distanza” si accorcia già con la title track che paga un certo tributo ai primi In Flames e così resterà per le rimanenti tracce. Gli Ever-Frost hanno dalla loro una notevole capacità tecnica e non difettano certo di idee compositive e in fase d’arrangiamento, ma quello che manca è un  certo mordente: i pezzi sembrano un po’ tutti uguali e privi di quello spunto in più che, invece, era ben presente in “Departing Of Time”; anche la scelta dell’EP lascia un po’ perplessi, non tanto per il formato in sé, quanto perché – a distanza di tre anni – si ha la sensazione che la band abbia fatto uscire del materiale per tenere il nome in circolazione, ma senza avere del materiale all’altezza di un disco vero e proprio. Intendiamoci: non stiamo parlando di un brutto lavoro, ma di una di quelle classiche uscite che lasciano un po’ il tempo che trovano, lasciandoci ben intuire le potenzialità ancora presenti in seno al gruppo ma senza mai far scattare quel qualcosa in più che distingue un’uscita discografica e la fa emergere dalla moltitudine di produzioni che affollano un mercato a dir poco saturo. Certo: un prodotto del genere può ridestare un po’ di interesse e facilitare un po’ di sana attività live che potrebbe aiutare i modenesi a ritrovare la giusta ispirazione. Insomma “Undefined Colors” tiene, in un certo senso, fede al suo titolo e risulta essere un passaggio interlocutorio. Come in molti altri casi le potenzialità ci sono tutte e siamo certi che gli emiliani sapranno ritrovare la loro personalità e tornare alla carica con un lavoro meno freddo e più espressivo. Li attendiamo fiduciosi.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. The Hive Mind
  3. Undefined Colors
  4. City
  5. Phoenix Rising
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.