EVERY TIME I DIE – Ex Lives

Pubblicato il 30/05/2012 da
voto
7.5
  • Band: EVERY TIME I DIE
  • Durata: 00.32.09
  • Disponibile dal: 06/03/2012
  • Etichetta: Epitaph
  • Distributore: Audioglobe

Un giudizio lungo e molto combattuto quello riguardante “Ex-Lives”, sesto album in studio degli Every Time I Die. I ragazzi di Buffalo non hanno mai perso lo smalto, e rimangono una delle migliori incarnazioni del metalcore “contaminato” oggi in attività, tra capacità, personalità, attitudine e spirito. Chi scrive ha sempre sperato in una svolta melodica della formazione, ma dopo l’eccellente sfogo di “Ironiclast” con The Damned Things (assieme a Ian e Caggiano degli Anthrax e Trohman e Hurley dei Fall Out Boy) in questo sesto capitolo discografico emerge l’impronta più ruvida di Keith Buckley, in un disco che ritrova la migliore urgenza dei passati lavori andando a sfiorare la violenza di “Last Night In Town”. Una collezione molto concreta e selvaggia, che resta spessa, non si perde nel’auto-citazionismo e riesce a colpir duro. Nell’hardcore degli ETID oggi si citano i The Dillinger Escape Plan come i Queens Of The Stone Age, ma è sbiadita quella diversità che ce li ha fatti amare in maniera incondizionata, quella schizofrenia melodica che rende adorabile “Underwater Bimbos From Outer Space” e splende meravigliosamente nel capolavoro “Revival Mode”, singolo coraggioso che mostra il gruppo in una veste inedita. “I Suck (Blood)”, “Drag King” e “Grudge Music” sono memorabili e degne di citazione, ed entreranno di sicuro a far parte dei prossimi live set, mentre il resto è un ri-contestualizzare sapientemente il proprio ruolo, in bilico tra metal, hardcore e qualsiasi cosa passi loro per la mente (in “Partying is Such Sweet Sorrow” troviamo anche un banjo), con risultati pregevoli e mai scontati. Forse è finito l’effetto sorpresa, ma il marchio compositivo resta di loro proprietà, e nessuno dei tanti ammiratori è riuscito a replicarlo a dovere. Di “Ex-Lives” si può parlare assolutamente bene, come forse ne avrete già letto in giro, ma considerandolo nel contesto della discografica degli ETID siamo costretti a calibrare il voto sui dischi più riusciti della formazione. Non che non riescano a fare il culo al 90% dei loro contemporanei con una mano sola sia chiaro…

TRACKLIST

  1. Underwater Bimbos From Outer Space
  2. Holy Book Of Dilemma
  3. A Wild, Shameless Plain
  4. Typical Miracle
  5. I Suck (Blood)
  6. Partying Is Such Sweet Sorrow
  7. The Low Road Has No Exits
  8. Revival Mode
  9. Drag King
  10. Touch Yourself
  11. Indian Giver
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.