EVERY TIME I DIE – Low Teens

Pubblicato il 26/10/2016 da
voto
8.0
  • Band: EVERY TIME I DIE
  • Durata: 00.43.21
  • Disponibile dal: 23/09/2016
  • Etichetta: Epitaph
  • Distributore: Self

Abbiamo esaurito le parole nei confronti degli Every Time I Die, una band che dopo svariati anni di esperienza si trova, nel nostro paese, ancora in dimensioni medio-piccole, nonostante una costanza qualitativa che ha dell’incredibile, sia nella dimensione live che su disco. E’ comunque un dovere sforzarci di trasmettere l’eccellenza di “Low Teens” tentando di ripeterci il meno possibile. Dovrebbe essere nota la capacità strumentale di una formazione in grado di padroneggiare e sfidare i limiti di hardcore e metalcore, arrivando a metter piede nei confini math, sludge o southern rock senza perdere il senso della misura o della canzone. Abbiamo speso un fiume di parole anche per la poliedrica versatilità di Keith Buckley, urlatore dal fortissimo senso della melodia e liricista superiore alla media, nonché prof di inglese e autore di libri e programmi TV. Niente vien meno nell’ottavo capitolo discografico del gruppo, che sintetizza il suo percorso storico con un occhio di riguardo per le linee vocali: chi, come chi scrive, ha goduto infinitamente nel sentire Buckley esprimere il suo registro melodico nei The Damned Things può apprezzare il suo grande gusto nel contesto più heavy della sua band principale, a contrasto del caos strumentale e in un contesto più maturo e sfaccettato plasmato dalla vista del baratro – il frontman ha rischiato di perdere moglie e figlia nel momento del parto. “C++ (Love Will Get You Killed)” nelle sue tinte grunge è uno degli esempi migliori, assieme a “It Remembers” con Brendon Urie dei Panic! At The Disco che diventa l’ennesimo link col mondo emo (in passato furono Fall Out Boy e My Chemical Romance) improbabile ma ben riuscito. “Glitches”, “1977” e “Awful Lot” sono probabilmente gli esempi migliori dal lato oscuro della personalità del frontman. Il disco migliora di traccia in traccia, per arrivare allo spettacolare climax di “The Coin Has A Say”, semplicemente uno dei migliori pezzi firmati dal gruppo, che marchia l’album con quel guizzo di cui non son capaci gruppi agli esordi, figuriamoci veterani con quindici anni di attività. Tra una padronanza di generi che diamo per scontata ma non lo è per niente, una consistenza incredibile e una profondità mai raggiunta, gli Every Time I Die raggiungono una nuova vetta, che è giusto mettere sotto gli occhi di tutti e che va ad elevare un hardcore contemporaneo troppo statico e codificato.

TRACKLIST

  1. Fear and Trembling
  2. Glitches
  3. C++ (Love Will Get You Killed)
  4. Two Summers
  5. Awful Lot
  6. I Didn’t Want to Join Your Stupid Cult Anyway
  7. It Remembers
  8. Petal
  9. The Coin Has a Say
  10. Religion of Speed
  11. Just as Real but Not As Brightly Lit
  12. 1977
  13. Map Change
  14. Skin Without Bones
  15. Nothing Visible; Ocean Empty
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.