EVISORAX – Goodbye to the Feast… Welcome to the Famine

Pubblicato il 10/07/2015 da
voto
7.0
  • Band: EVISORAX
  • Durata: 00:14:00
  • Disponibile dal: 26/01/2015
  • Etichetta: Bones Brigade
  • Distributore:

Streaming:

La durata complessiva è risicata come al solito, tuttavia non è il caso di sottovalutare la gamma di idee e soluzioni che gli Evisorax hanno incluso in questa loro nuova opera. Di certo, al termine dell’ascolto, si ha l’impressione che sia trascorso più tempo dei quattordici minuti di cui il lavoro in effetti consta. I britannici attaccano con un paio di tracce nella norma, affidandosi al consueto grind convulso ispirato a Insect Warfare e Discordance Axis, ma nella seconda parte della breve tracklist stupiscono con dei rallentamenti profondi, un’atmosfera sofferta e rintocchi di melodia che arrivano addirittura a fare da base per delle voci pulite. Fermo restando che l’ascendenza grindcore è sempre percepibile, queste trame vedono il trio inglobare influenze sludge e “post” hardcore in maniera sorprendentemente matura; tutto ad un tratto, gli Evisorax diventano una band con molte più frecce al proprio arco del previsto, tanto da prendere nettamente le distanze da chi già li immaginava responsabili del quarto frullato di grind ultra nervoso della carriera. Con pezzi come “So Many Fat People, During the Famine ” e “All the Best Bits, They Left Out of Your Death”, “Goodbye to the Feast… Welcome to the Famine” finisce invece per adottare un’identità propria, che ha solo alcuni spunti in comune con il carattere altamente belligerante dei precedenti “Enclave” e “Isle Of Dogs”. I ragazzi ora ricordano i connazionali Corrupt Moral Altar e certi Fuck The Facts e ciò naturalmente non è certo un male, dato che stiamo parlando di due delle formazioni più interessanti in questo campo. Ora agli Evisorax servirebbe solo un po’ di costanza in più e magari il coraggio di concepire qualcosa di più corposo: viste le potenzialità qui messe in mostra, ci piacerebbe vederli affrontare sfide ancora più importanti.

TRACKLIST

  1. Greedy Pig
  2. Blood Fucking Blisters
  3. The Last Horrendous Concubines
  4. Locust Breeders
  5. End User
  6. So Many Fat People, During the Famine
  7. All the Best Bits, They Left Out of Your Death
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.