EXHIBITION – The Sign Of Tomorrow

Pubblicato il 11/03/2003 da
voto
7.5
  • Band: EXHIBITION
  • Durata: 00:59:55
  • Disponibile dal: 10/02/2003
  • Etichetta: LMP
  • Distributore: Spin-go

Gli Exhibition giungono al loro debutto discografico per LMP con questo “The Sign Of Tomorrow” e, a giudicare dal risultato, si tratta di un debutto estremamente interessante. In realtà, è bene precisarlo, non stiamo proprio parlando di musicisti alle prime armi, in quanto gli Exhibition vantano tra le loro file l’ex cantante dei “Seven Witches” Bobby Lucas, e alcuni membri provenienti dagli Eternity X. Il loro demo “The Sign Of Tomorrow” era stato ben accolto dalla critica musicale e questo è valso ai nostri un contratto proprio con la LMP per la pubblicazione di questo “The Sign Of Tomorrow”, che contiene tutti e tre i pezzi del sopracitato demo. Gli Exhibition ci propongono, fondamentalmente, un metal classico con forti venature progressive che ricorda sicuramente i primi Fates Warning e che, in molti punti, rimanda direttamente sia ai Dream Theater che agli Iron Maiden. Ma gli Exhibition non sono affatto dei vuoti imitatori, in quanto riescono comunque a dar vita ad uno stile personale e riconoscibilissimo, sfornando nove pezzi piacevolissimi, in cui vengono fusi ed elaborati in maniera intelligente tutti gli elementi che caratterizzano i suddetti gruppi. Ovviamente i nostri non inventano nulla, e del resto sarebbe quasi impossibile proporre soluzioni innovative in ambito di metal classico… tuttavia questi ragazzi hanno classe da vendere, cosa che risulta più che evidente nelle tracce che comprendono questo debut, tutte di durata superiore ai sette minuti. Le danze si aprono con “Before The End Of Time”, pezzo che cattura immediatamente l’attenzione dell’ascoltatore mostrando una summa delle caratteristiche del sound degli Exhibition caratterizzato dalla fusione di elementi prettamente classic con altri più progressive: il risultato è una song molto veloce, con un refrain che rimane in testa già al primo ascolto, ed in cui tastiere e chitarre si dividono la scena. Ottima anche la title track “The Sign Of Tomorrow” e la successiva “Dark Horizon”, in cui gli elementi progressive conquistano il sound in maniera predominante: è però bene sottolineare che più, che di progressive metal , si dovrebbe parlare di progressive rock, in quanto gli elementi progressive sono comunque funzionali alla canzone, e non vogliono essere assolutamente una pura dimostrazione di tecnica strumentale; anche in questo gli Exhibition dimostrano una classe decisamente superiore a molti gruppi appartenenti alla stessa scena musicale e ben più famosi. Bellissima poi la ballad “Shattered Memories”, un vero gioiello in cui la bella e ispirata voce di Bobby Lucas viene accompagnata dal piano per dar vita ad una delle migliori tracce del disco. Una menzione di merito va proprio a Lucas, che in questo disco si dimostra un cantante molto versatile, che riesce a passare facilmente da tonalità più alte ad altre più basse, prendendo le distanze pertanto dal classico cantato progressive. Insomma, non c’è che dire, questo “The Sign Of Tomorrow” rappresenta un ottimo debutto per gli Exhibition, che mostrano non solo ottime capacità compositive, ma anche molto gusto nello scegliere soluzioni non scontate, lontane dagli stilemi sia del progressive metal ultratecnico, sia del classic metal alla Manowar, sia del vuoto power tanto in voga ultimamente. Bravi e consigliatissimi a tutti gli amanti del genere, ma non solo.
 

TRACKLIST

  1. Before The End Of Time
  2. Strange Reality
  3. Wingf Of The Dragon
  4. The Sign Of Tomorrow
  5. Dark Horizon
  6. Shattered Memories
  7. Queen Of Pain
  8. A New Beginning
  9. Voices In The Night
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.