EXIST – So True, So Bound

Pubblicato il 06/07/2017 da
voto
6.5
  • Band: EXIST
  • Durata: 00:58:50
  • Disponibile dal: 09/06/2017
  • Etichetta: Prosthetic Records
  • Distributore: Audioglobe

Per capire chi siano gli Exist occorre prima fare una breve presentazione di Max Phelps, cantante, chitarrista, mente e braccia di questo progetto. Phelps ha militato nei Cynic tra il 2011 e il 2015 come musicista live, ed ha fatto la stessa cosa anche per i Defeated Sanity, dove tutt’ora partecipa ai tour della band, ma senza comparire nelle line-up ufficiali; inoltre ha preso parte al tour dei Death To All, il progetto tributo dei Death di Chuck Schuldiner in veste di cantante chitarrista. Era quasi fisiologico dunque che un musicista così preparato sentisse la necessità di un progetto tutto suo, e ovviamente per farlo si è avvalso dell’aiuto di altri ottimi musicisti, gente del calibro di Alex Weber (bassista live di Jeff Loomis) e di Hannes Grossmann (Necrophagist, Obscura) dietro alle pelli. L’amalgama sonora che ne esce è un progressive metal figlio di suoni sintetici e interferenze jazz alla Cynic, ma con uno sguardo rivolto alle sonorità futuristiche tipiche del djent odierno. “So True, So Bound” è quindi un lavoro che potenzialmente potrebbe accontentare sia i palati più educati a sonorità ricercate e intellettuali, ma allo stesso tempo in grado di abbracciare un pubblico più giovane e alla ricerca magari di melodie accattivanti. Già, perché in questo platter ciò che non manca di certo è proprio la melodia, sia vocale che strumentale. A frangenti più martellanti e aggressivi segue sempre un contraltare melodico, un momento di quiete dopo la tempesta. Al di là dell’elevato tasso tecnico, della produzione ineccepibile e di una conoscenza del genere maiuscola, la proposta degli Exist ha come particolarità quella di essere sostanzialmente algida, un po’ dreamtheateriana ci verrebbe da dire, dove appunto una ricerca e una cura quasi maniacale per il particolare e per il passaggio ad effetto (laddove il più delle volte risultano invero abbastanza prevedibili), sotterrano l’aspetto più impulsivo e trascinante del metal estremo. Così episodi che avrebbero l’obiettivo di essere sognanti ed evocativi come “Shade From My Fire” è tanti altri passaggi del genere sparsi nella tracklist, sono abbastanza vanificati dalla loro freddezza. “So True, So Bound” è un lavoro formalmente inattaccabile che certamente consigliamo agli amanti del genere, ma che tuttavia non ci ha fatto sobbalzare dalla sedia. Non resta che provarlo per farsi un’idea, un ascolto gli Exist oggettivamente lo meritano.

TRACKLIST

  1. Take My Picture
  2. Happily Ever After (For A Week Or So...)
  3. So True: Imitation's Flattery
  4. So Bound: One Of The Herd
  5. Peer Prejudice
  6. To Sever The Strings
  7. Shade From My Fire
  8. Fault's Peaks
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.