EXTREMA – Better Mad Than Dead 2008

Pubblicato il 01/02/2008 da
voto
6.5
  • Band: EXTREMA
  • Durata: 00:53:08
  • Disponibile dal: 28/01/2008
  • Etichetta: Scarlet Records
  • Distributore: Audioglobe

2001: arriva la pietra dello scandalo. A sei anni di distanza dal precedente lavoro e dopo due singoli usciti con gli Articolo 31 francamente bruttini, la band si ripresenta sul mercato con “Better Mad Than Dead” ed è subito tempesta. Molti, forse troppi, si sono presi la briga di bocciare il lavoro senza appello anche se non l’avevano mai ascoltato. La colpa della band era quella di avere tradito, di avere inciso con un gruppo RAP da classifica, di frequentare troppo i salotti di Rock Tv ed altre menate del genere. La verità è che l’album non è di facile ascolto, è effettivamente diverso da quanto fatto dalla band in precedenza, vi sono degli influssi evidenti di nu metal ma resta comunque un lavoro pesante e niente male. I nostri innanzitutto si sono scrollati di dosso la nomea fastidiosa di Pantera italiani e, dal punto di vista tecnico e compositivo, hanno fatto un notevole balzo in avanti. Forse a tratti solo la sei corde di Tommy Massara eccede in modernismi e dissonanze inutili dove sarebbe stato meglio piazzare degli assoli. G.L. Perotti è clamorosamente migliorato e risulta più espressivo che mai; Mattia Bigi e Cris Dalla Pellegrina formano una sezione ritmica ottimamente allestita. I rimandi ai Korn sono sicuramente presenti, ma gli Extrema fanno un uso dell’elettronica più massiccio e la loro base ritmica è decisamente più heavy. Una canzone come “All Around” è una sorta di crossover moderno, con cantato simil-rappato, stacco catchy e tappeto elettronico ad ammantare il tutto. “W.A.S.T.E.D.”, pur essendo pregna di melodia, è piuttosto pesante e monolitica e a tratti ricorda gli Anthrax era Bush, mentre “Wannabe” è una fucilata thrash core breve e senza compromessi. In sostanza gli Extrema hanno realizzato il loro album più vario, certamente moderno e catchy, ma lo hanno fatto senza perdere di vista la pesantezza che da sempre li contraddistingue. Le bonus track sono “Divin’”, “Release” e una versione acustica di “Another Nite”. La prima è una traccia thrash-death ammodernata solo dalle dissonanze della chitarra di Massara; la seconda è una mazzata dove la sezione ritmica spacca davvero e contiene dei cori urlati in pieno stile hardcore; l’ultima traccia è una reprise acustica sorprendente che recupera umori rock piuttosto oscuri, a cavallo tra Seattle ed Atlanta. In definitiva “Better Mad Than Dead” è un lavoro parzialmente da riscoprire e non merita di essere bollato solo come un’accozzaglia modernista e “Korn addicted”.

TRACKLIST

  1. Generation
  2. Dude
  3. Another Nite
  4. All Around
  5. Sanity
  6. Wannabe
  7. Family Affair
  8. Too Late
  9. Some Faith
  10. W.A.S.T.E.D.
  11. Secrets'n'Lies
  12. The Brawler
  13. Divin'
  14. Release
  15. Another Nite (acoustic 2007)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.