FACE DOWN – The Will To Power

Pubblicato il 19/11/2005 da
voto
5.0
  • Band: FACE DOWN
  • Durata: 00:41:26
  • Disponibile dal: /11/2005
  • Etichetta:
  • Black Lodge
  • Distributore: Audioglobe
Streaming non ancora disponibile

Rispunta Marco Aro, che molti di voi ricorderanno come il frontman dei The Haunted, band con la quale aveva inciso gli album “The Haunted Made Me Do It” e “One Kill Wonder”. Dopo una pausa forzata dovuta – a quanto pare – da problemi con la droga, il buon Marco ha deciso di riesumare la sua vecchia band, i Face Down (autori nella seconda metà degli anni Novanta di due full length), e, procuratosi un contratto con la Black Lodge, eccolo tornare con un nuovo capitolo discografico, “The Will To Power”. Cosa ci si può aspettare dai Face Down nel 2005? I primi album erano all’insegna di un thrash moderno alla Machine Head, con brani conditi anche da stoppate e ripartenze care ai Pantera. “The Will To Power” riprende a grandi linee quel discorso, presentando però anche delle influenze Slayer piuttosto marcate, che talvolta portano il sound dei nostri ad assomigliare in maniera quasi imbarazzante proprio a quello dei The Haunted! Il problema però non sta più di tanto nel fatto che nel complesso l’album suoni desueto e superato, bensì nel fatto che la tracklist del disco è dannatamente avara di riff ispirati. La maggior parte delle canzoni si presenta infatti fiacca e priva di mordente e riesce ad annoiare in maniera spaventosa dopo solo pochi minuti. Un poco più positive sono l’opener “Drained” e “War Hog”, ma tutto sommato si ha sempre l’impressione di essere alle prese con un gruppo di musicisti stanchi e a corto di idee, che si sono ritrovati a suonare in sala prove quasi per scherzo. “The Will To Power” è un disco anonimo e veramente poco curato, qualcosa di cui non si sentiva affatto la necessità.

TRACKLIST

  1. Drained
  2. Blood Tiles
  3. Heroin
  4. Insanity
  5. Will To Power
  6. Grey
  7. Heretic
  8. The Delusion
  9. War Hog
  10. The Unsung
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.