FAIR WARNING – Go!

Pubblicato il 21/04/2021 da
voto
9.0
  • Band: FAIR WARNING
  • Durata: 00:58:22
  • Disponibile dal: 26/02/1997
  • Etichetta:
  • GUN Records

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

La scena musicale degli anni Ottanta fu contraddistinta dal massimo splendore – qualitativo e commerciale – per quanto riguarda tutte quelle sonorità che giravano attorno all’hard rock, all’hard&heavy e all’AOR. Ma come è noto, agli albori della decade successiva, l’esplosione del grunge e la ricerca di nuovi orizzonti sonori e di un sound più alternativo portarono alla scomparsa di moltissimi gruppi non più supportati da un mercato ormai pronto a rincorrere nuove mode. Per fortuna una piccola schiera di audaci e temerarie band decise di portare avanti la propria passione anche contro ogni regola del music business, riuscendo così a tenere accesa la fiamma dell’hard rock più classico. Una di queste band sono senza dubbio i Fair Warning!
Nati a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta da una costola degli Zeno, con alla voce il talentuoso frontman Tommy Heart (già visto prima anche nei notevoli V2) ed al basso Ule W. Ritgen, che diventerà il principale compositore, l’act tedesco si completa con l’ingresso dei chitarristi Helge Engelke ed Andy Malecek e del batterista Jurgen ‘C.C.’ Behrens. Se già il loro debutto omonimo fece tastare appieno il talento enorme del quintetto teutonico ottenendo un successo immediato soprattutto nel Sol Levante, qualche anno più tardi, e più precisamente il 26 febbraio del 1997, i Fair Warning daranno alla luce l’altro masterpiece della loro carriera, il terzo album in studio denominato “Go!”. Unendo il suono cromato ed esaltante delle leggendarie produzioni ottantiane made in Usa con un gusto melodico di chiaro stampo europeo, Ritgen e soci riescono a dar vita ad un sound unico e riconoscibile a chilometri di distanza. Si voglia per la voce leggiadra di Tommy, si voglia per l’accordatura limpida e squillante della chitarra imbracciata da Malecek – stratosferici i suoi assoli! – o più in generale per la capacità di comporre linee melodiche in grado di colpire intensamente, fatto sta che ci si accorge presto di essere di fronte ad un disco in grado di fare la storia.
“Angels Of Heaven” e “Save Me” è un uno-due, messo subito in partenza, capace di stendere qualsiasi melodic hard rock fan grazie a chitarre esplosive che guidano il cantato mozzafiato del singer tedesco, il quale si spinge su note alte con notevole disinvoltura. In particolare la seconda traccia, con il suo incedere e l’eleganza che la circonda, entra sicuramente a far parte dei brani più straordinari di questo genere. Ma la forza di “Go!” sta nella costanza lungo tutta la tracklist: la chitarra classica che conduce la ballata “All On Your Own” è da brividi e ci accompagna fino ad un’esplosione sonora che arriva puntuale grazie ad un refrain da cantare all’infinito. Durante la parte conclusiva il palcoscenico è tutto per alcuni fraseggi di chitarra che si intrecciano con le vibrazioni canore di mister Heart, in un crescendo meritevole di fragorosi applausi. La raffinata “Man On The Moon” affascina con i suoi ritmi rilassanti ed un’andatura dal flavour malinconico sulla quale si posano alcuni coretti ben assestati che vanno ad assecondare il cantato principale. Il pathos che tuona dalle casse durante l’ascolto della cristallina power ballad “Without You” è notevole: un meraviglioso pre-chorus prepara la strada ad un ritornello irresistibile, tuonante e dal gusto melodico intenso e caloroso. Ci si avvicina al finale, ma c’è ancora spazio per qualche hit indimenticabile. E’ d’obbligo menzionare, ad esempio, “Eyes Of The Stranger”, altro pezzo lento avvolto da melodie cadenzate e nostalgiche e dalla presenza di cori epici ed evocativi che, lasciati in sottofondo, ben si amalgamano al sound magniloquente che la band riesce ad ottenere. Infine, le ultime note sono affidate alle atmosfere romantiche e sognanti di “The Love Song”, brano che riesce a muoversi con equilibrio attraversando le strade più nostalgiche, ma risplendendo su un ritornello più speranzoso e brillante.
I Fair Warning non solo riuscirono a confezionare un disco eccelso, ma furono in grado di creare un sound personale e inimitabile, quest’ultimo un fattore tutt’altro che scontato all’interno della scena più classica a cui la band fa ovviamente riferimento. “Go!” è un lavoro eccezionale sotto ogni punto di vista, ma ciò che lo rende davvero speciale è la capacità di accendere quel sano e sincero sentimentalismo che ognuno di noi possiede all’interno del proprio cuore.

TRACKLIST

  1. Angels of Heaven
  2. Save Me
  3. All on Your Own
  4. I'll Be There
  5. Man on the Moon
  6. Without You
  7. Follow My Heart
  8. Rivers of Love
  9. Somewhere
  10. Eyes of a Stranger
  11. Sailing Home
  12. The Way You Want It
  13. The Love Song
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.