FAIRYLAND – Score To A New Beginning

Pubblicato il 12/05/2009 da
voto
8.0
  • Band: FAIRYLAND
  • Durata: 00:49:49
  • Disponibile dal: 30/04/2009
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Con i nostrani Rhapsody Of Fire fermi ai box a causa di un lungo riposo forzato, i fan dell’epic power sinfonico sono sempre alla disperata ricerca di una valida alternativa alla band di Lione e soci; negli ultimi tempi spesso, e proprio Metalitalia.com sottolinea il problema, vediamo proliferare come funghi lavori-fotocopia che ricalcano nel peggiore dei modi l’inimitabile stile dei Rhapsody. Ma ora possiamo premiare la nostra attesa con il terzo lavoro dei francesi Fairyland che, dopo due lavori di discreta fattura, confezionano il loro miglior album in assoluto. “Score To A New Beginning” racchiude tutte le ispirazioni e le qualità della band d’oltralpe, che da sempre trae grande ispirazione dai Symphony X, trasformando così l’epic power di matrice sinfonica in un sound che è fortemente debitore del prog; giovandosi di una produzione veramente straordinaria, ricca di cori e orchestrazioni da far invidia a Lione & C., il valore aggiunto è anche portato da un titanico lavoro di songwriting che prende spunto da “The Divine Wings Of Tragedy”, capolavoro proprio dei Symphony X. A rendere ancora più gustosa la proposta troviamo una lunga lista di illustri ospiti musicali, quasi a rappresentare una sorta di metal opera che negli ultimi tempi è tanto di moda: abbiamo così tra gli altri, i membri dei Pathosray Marco Sandron, Fabio D’Amore e Alessio Velliscig, Lars F. Larsen dei Manticora, Elisa C. Martin dei Dreamaker; Georg Neuhauser dei Serenity, Dushan Petrossi proveniente dai Magic Kingdom e Iron Mask. Dopo la classica intro atmosferica, immancabile in ogni lavoro del genere, ecco tre pezzi straordinari, che lasciano l’ascoltatore senza fiato: “Across The Endless Sea Part II”, “Assault On The Shore” e “Master Of The Waves”, song dal chiaro marchio Fairyland, ma che rispetto al passato ci mostrano una band molto più matura e cosciente delle proprie capacità musicali. Nella fase centrale la qualità del lavoro si abbassa leggermente, ma i nostri si riprendono alla grande in chiusura grazie alla title track, una suite impetuosa ed emozionante che ci regala attimi di grande musica epico-sinfonica. Non c’è che dire, i Fairyland hanno inciso il loro masterpiece, l’album che tutte le band vorrebero avere nella propria discografia, il classico album che fa fare il salto di categoria e sdogana qualsiasi gruppo dall’anonimato (o quasi) per lanciarlo nell’olimpo della musica. Curiosi di ascoltarli in sede live, non resta che promuoverli a pieni voti.

TRACKLIST

  1. Opening credits
  2. Across the endless sea (Part II)
  3. Assault on the shore
  4. Master of the waves
  5. A soldier's letter
  6. Godsent
  7. At the gates of morken
  8. Rise of the giants
  9. Score to a new beginning
  10. End credits
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.