FAIRYLAND – The Fall Of An Empire

Pubblicato il 12/12/2006 da
voto
7.0
  • Band: FAIRYLAND
  • Durata: 01:02:42
  • Disponibile dal: 27/11/2006
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

“The Fall Of An Empire”, il secondo disco dei francesi Fairyland, è una piacevole miscela di sonorità care a band quali Rhapsody Of Fire e Blind Guardian. Il quintetto d’oltralpe, capitanato dal tastierista Philippe Giordana, dà alla luce un album interessante e qualitativamente superiore alla maggioranza dei prodotti recentemente usciti in ambito symphonic-power metal. Il gruppo, seppur non vanti di particolare originalità, propone un buon lavoro, incentrato come di consueto su tematiche fantasy e ricco di orchestrazioni. I pezzi risultano piacevoli e facilmente memorizzabili già ad un primo ascolto, grazie anche all’immediatezza di ritornelli stilisticamente molto prossimi ai Blind Guardian più vivaci e diretti. Da segnalare inoltre l’entrata in formazione del discreto cantante Max Leclerqc, al posto della ex Dark Moor, Elisa Martin. Il disco parte in quarta con “The Fall Of An Empire”, un buon pezzo, tirato, epico, sinfonico e corale, che da solo rende bene l’idea della vicinanza dei Fairyland alle sopra citate band ispiratrici. Sulla stessa scia troviamo pezzi come “The Walls Of Laemnil” o “Anmorkenta”, nelle quali la band tesse pregevoli trame melodiche, mantenendo sempre alta l’attenzione dell’ascoltatore. E’ da subito evidente l’ottima qualità dei cori e delle orchestrazioni, che insieme donano profondità e imponenza al suono, ricordando spesso i primi lavori dei Rhapsody Of Fire. Il disco è qualitativamente omogeneo, privo di cali di tono e contiene anche un paio di efficaci intermezzi sinfonici, molto adatti al contesto fantasy attorno a cui si sviluppa il disco. “Clanner Of The Light” è il pezzo più tirato del lotto, una canzone classicamente power che, a livello vocale ricorda a tratti anche i velocissimi Dragonforce. La calma “Eldanie Uelle” è uno dei momenti migliori del disco, valorizzata dall’ottimo lavoro di Giordana alle tastiere e dotata di un gran bel ritornello corale. Non mancano neanche brani lenti e delicati come “In Duna” e la splendida e conclusiva “Look Into Lost Years”, entrambi interamente con cantato femminile. Come avrete certamente capito “The Fall Of An Empire” è un disco formalmente più che buono, e che a conti fatti pecca solo di originalità. Resta comunque un prodotto caldamente consigliato agli estimatori delle band sopra citate e che lascia ben sperare per il futuro di questa promettente band.

TRACKLIST

  1. Endgame
  2. Fall Of An Empire
  3. Lost in the dark lands
  4. Slaves forlorn
  5. The awakening
  6. Eldanie uelle
  7. Clanner of light
  8. To the havenrod
  9. The walls of laemnil
  10. Anmorkenta
  11. In duna
  12. The story remains
  13. Look into lost years
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.