FAKE IDYLL – Therapist

Pubblicato il 25/12/2011 da
voto
5.0
  • Band: FAKE IDYLL
  • Durata: 00:24:01
  • Disponibile dal: 02/09/2011
  • Etichetta: Unundeux
  • Distributore: Gordeon Music

Al giorno d’oggi è facile comporre un disco incazzoso, imbottirlo di stranezze di ogni tipo e spacciarlo come prodotto originale e visionario. Dopo l’esplosione del methcore psicopatico di Converge, primi Dillinger Escape Plan e le recenti nuove trovate dei Protest The Hero, è scaturito un nuovo modo di intendere la musica estrema, un modo interpretato, molto spesso, in maniera del tutto non all’altezza. I Fake Idyll sono quanto di più scontato e fuori luogo nato da questa corrente. Il loro suono dovrebbe essere una sorta di grindcore, la loro attitudine decisamente più math e noise: c’è ben poco di queste cose, purtroppo. “Therapist” è un disco vuoto e privo di solide fondamenta musicali, che prova a far parlare di sé portando all’estremo i principali cliché tipici della musica “malata”, dalle bordate sonore-centrifughe alle campionature elettroniche sparse qua e là; tutto infarcito senza un criterio preciso, con partiture sinfoniche casuali e qualche gemito femminile estirpato direttamente da YouPorn. Una sorta di mondo parallelo a quelli di Devin Townsend e Cephalic Carnage, con la differenza che fra i due musicisti citati e i tedeschi c’è uno sconfinato oceano chiamato arte. Questo modo di intendere la musica ha delle potenzialità enormi, non è però il caso dei Fake Idyll, troppo sbrigativi, giocherelloni e, probabilmente, non del tutto lucidi quando si è trattato di comporre il disco. Abbiamo scomodato fin troppi nomi eccelsi per parlare di “Therapist”, un lavoro che, diciamocelo, dà fin troppo l’impressione d’essere stato composto da un manipolo di ragazzacci, vogliosi di fare casino e di spacciarsi per autori di una proposta interessante e schizofrenica. Ben venga il caos sonoro ma, senza la sostanza, si finisce per essere ridicoli. Il risultato finale è un album che non verrà affatto dimenticato ma, anzi, si farà ricordare a lungo per la sua totale mancanza di inquadratura musicale.

TRACKLIST

  1. Therapist (Getsallthegirls)
  2. Deadcowpizza
  3. Schlangenmilch
  4. Urschmerz
  5. Supreligious
  6. Americandaze/Germannights
  7. Bekifftindeutschland
  8. Moho
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.