FALL OF THE IDOLS – The Womb Of The Earth

Pubblicato il 24/06/2007 da
voto
6.5
  • Band: FALL OF THE IDOLS
  • Durata: 01:04:59
  • Disponibile dal: //2007
  • Etichetta: I Hate Records
  • Distributore: Masterpiece

Da membri dei Black Christ e dei disciolti blackster Bloodsoffer, entrambe band finlandesi, vengono alla luce questi Fall Of The Idols. Il gruppo propone un doom metal piuttosto canonico ma non per questo dozzinale, che ha la peculiarità di avere in line up ben tre chitarristi. Diciamolo subito: i nostri, come peraltro capita anche a band ben più famose, non sfruttano a dovere questo sovrannumero e potevano benissimo limitare il numero delle asce a due. Comunque sia questo non inficia il valore discreto di questo “The Womb Of The Earth”, platter composto da otto tracce della durata media piuttosto elevata. I primi nomi che vengono in mente ascoltando il lavoro sono quelli di Solitude Aeturnus, Trouble e Candlemass, ovverosia tre delle più grandi doom band di sempre. Ovviamente il livello delle composizioni è decisamente meno elevato di quello dei maestri, diversamente saremmo qui a parlare di capolavoro: comunque tracce come l’opener “Sown Are The Seeds Of Doom” dall’incedere lento ed evocativo, o la darkeggiante “The Walk”, dimostrano che il sestetto è piuttosto preparato e potrebbe dire la sua in una scena piuttosto affollata. Altri brani discreti sono “Agonies Be Thy Children” e “Ungodly Thirteen”, nei quali viene alla luce (si fa per dire), tutta l’angosciosità del doom made in Finland, capace di creare atmosfere vicine al funeral doom nonostante le differenze sostanziali che lo dividono da quest’ultimo. Un discordo a parte lo merita la conclusiva “The Pathway”, lunga quasi sedici minuti nei quali la band cerca di inserire il meglio delle proprie caratteristiche ma che forse, alla distanza, tende ad annoiare un po’ a causa di un lirismo spesso eccessivo. La prova dei singoli non è eccelsa, tutti svolgono il loro compitino e nulla più. In particolare il singer Jyrki Hakomäki potrebbe variare maggiormente il suo timbro vocale, davvero troppo monocorde. Tirando le somme “The Womb Of The Earth” può essere considerato un album discreto ma piuttosto piatto, nonostante alcuni episodi decisamente buoni. Visto e considerato che la I Hate records è un’ottima base di partenza per una doom band, il futuro potrebbe essere decisamente roseo per i ragazzi. Il primo passo è stato fatto, vediamo dove potranno arrivare.

TRACKLIST

  1. Sown Are The Seeds Of Doom
  2. Atonement For The One
  3. The Grand Act
  4. Agonies Be Thy Children
  5. Keep Wandering The Night
  6. Ungodly Thirteen
  7. The Walk
  8. The Pathway
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.