FEAR FACTORY – Demanufacture R R 25 Reissue

Pubblicato il 02/01/2006 da
voto
7.5
  • Band: FEAR FACTORY
  • Durata: 02:33:24
  • Disponibile dal: /12/2005
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Universal

La cosa migliore del film Mortal Kombat? Sicuramente avermi fatto innamorare della soundtrack: la scena di Scorpion vs Johnny Cage ce l’ho stampata in mente, come le note della stupefacente “Zero Signal”. Prima di allora solo le immagini dei Fear Factory al Dynamo, viste e riviste nelle videocassette di Headbangers Ball. Nell’anno 1995 l’uscita di Demanufacture è sicuramente una pietra miliare nella storia del metal moderno e futuristico, un disco che diventerà modello di paragone e che a distanza di anni non è ancora stato eguagliato nemmeno dagli stessi Fear Factory. La prima cosa che si nota è il suono freddissimo, metallico, meccanico. La produzione, volutamente disinfettata come l’acciaio chirurgico, ha ripulito minuziosamente tutte le minime imperfezioni umane per rendere il suono inorganico, digitale, come se fosse prodotto da un ordigno distruttore. In questo modo la batteria-mitragliatrice di Raymond Herrera, dettante legge sulla sezione ritmica, si unisce indistintamente alle fucilate del corpulento Dino Cazares, dando vita alla più spettacolare e scintillante creatura cyber metal mai costruita. Burton C Bell è uno dei primi cantanti a saper stupire con growl brutali quanto ad elevarsi in melodici eterei e coinvolgenti, contrasto che ora sembra all’ordine del giorno ma che rappresentava una novità assoluta nel ’95. Da “Replica” a “Therapy for Pain” non c’è alcun calo, alcun momento per abbassare la guardia di fronte all’intransigenza lucida e calcolata di questa macchina impazzita, tranne proprio la lenta conclusione di questo concept sulla lotta di un uomo contro il potere delle macchine. “Replica” è un classico, “New Breed” una perla futuristica, “Self-Bias Resistor” è pura devastazione… Cosa aggiungere a tanta perfezione se non il coraggioso esperimento “Remanufacture”, dove l’intero album viene completamente de-stutturalizzato e ricomposto rendendolo quasi irriconoscibile? E’ techno-metallica, drum n bass e viaggi trip hop sui progetti stutturali dell’album originale. Come in tutte le lussuriose reissue del 25esimo compleanno Roadrunner non manca un digipack elegante e un libretto esaustivo con testi e info biografiche raccontate dai protagonisti della band. Se non è nella vostra collezione è un delitto non averlo, indispensabile.

P.S.: il voto qui sotto è quello della reissue, all’album in sè potete aggiungere più di un punto!

TRACKLIST

  1. Demanufacture
  2. Self Bias Resistor
  3. Zero Signal
  4. Replica
  5. New Breed
  6. Dog Day Sunrise
  7. Body Hammer
  8. Flashpoint
  9. H-K (Hunter-Killer)
  10. Pisschrist
  11. A Therapy For Pain
  12. Your Mistake
  13. !Resistancia!
  14. Concreto
  15. New Breed (Revolutionary Designed Mix)
  16. Manic Cure
  17. Flashpoint (Chosen Few Mix)
  18. Remanufacture
  19. National Panel Beating
  20. Genetic Blueprint
  21. Faithless
  22. Bionic Chronic
  23. Cloning Technology
  24. Burn
  25. T-1000
  26. Machines Of Hate
  27. 21st Century Jesus
  28. Bound For Forgiveness
  29. Refinery
  30. Cyberdyne
  31. Refueled
  32. Transgenic
  33. New Breed (Spoetnik Mix)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.