FEAR OF DOMINATION – Call Of Schizophrenia

Pubblicato il 22/05/2009 da
voto
7.5

Spotify:

Apple Music:

Nel 2009 il metalcore è un genere ormai affermato anche nella sua variante trance (il debutto degli Enter Shikari è di due anni prima), i Blood Stain Child hanno già fatto a vedere al mondo come sia possibile combinare magistralmente melo-death e EDM con “Mozaiq” (sempre del 2007) e i Pain di Peter Tägtgren spopolano da almeno una decina d’anni. Non dovrebbe quindi stupire parlare di un gruppo portavoce di queste sonorità, ma mentre in quegli anni Svezie e Danimarca sfornavano band da copertina a grappoli – Deathstars, Sonic Syndicate, Mnemic e Raunchy, per restare ai più noti – la Finlandia si mostrava più tradizionalista, potendo al massimo vantare i semisconosciuti Turmion Katilot. Oltre a questi, lo stesso anno vede la luce anche l’esordio di una band arrivata fino ai giorni nostri, senza conquistare le luci della ribalta ma ritagliandosi un proprio spazio grazie ad un blend sonoro particolare: loro sono i Fear Of Domination (monicker con evidenti richiami al BDSM, come lasciato intendere dalla copertina), il disco è “Call Of Schizophrenia” e il genere proposto lo potremmo definire come un mix di melodic-death metal, metalcore e industrial. Il pezzo omonimo in apertura funge da manifesto programmatico – ritmiche marziali, cantato sporco con controcanti femminili e una tastierina squisitamente trance che si stampa in testa come il miglior Flake – ma sarebbe riduttivo inquadrare i Nostri come una copia minore dei Deathstars. La successiva “Mistake In Evolution” è difatti un pezzo di melo-death dal piglio più moderno, così come “Clown Industry” ricorda i Bodom del periodo “Are You Dead Yet” incrociati con i Dimmu Borgir in versione discotecara. Capita l’antifona, il resto dell’album si muove su questa triangolazione, alternando episodi più veloci (“Punish Y.S.”, “Theatre”) ad altri più cadenzati (“Intact Girl”, “Perfect World”), con una menzione d’onore per la titletrack, summa del Fear Of Domination sound e con la tastierista Niina Telén protagonista, e il remix conclusivo della traccia di apertura in chiave squisitamente EDM, seguendo una tradizione che sarà portata avanti anche nei lavori successivi.

TRACKLIST

  1. Fear of Domination
  2. Mistake in Evolution
  3. Clown Industry
  4. Synthetic Paradise
  5. Punish Y.S.
  6. Intact Girl
  7. Perfect World
  8. Call of Schizophrenia
  9. Theatre
  10. Fear of Domination (MC Raaka Pee-Dominator remix)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.