FEARYTALES – FearyTales

Pubblicato il 22/02/2020 da
voto
6.0
  • Band: FEARYTALES
  • Durata: 00:25:44
  • Disponibile dal: 06/12/2019
  • Etichetta:
  • Buil2kill Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Con un rombo di tuono si apre il primo EP dei FearyTales, quartetto nostrano autore di un heavy metal di matrice classica che cerca di aprirsi a generi più estremi. All’interno del lavoro troviamo, infatti, linee melodiche pulite alternate al growl, estemporanei sprazzi alternative metal, riff massicci ed equilibrati e ispirazione letteraria. La devozione per Dante e il suo Inferno è ciò cui più si accosta Marco Chiariglione, frontman e chitarrista della band, anche autore di studi nell’ambito della critica dantesca. “Ascension to a new level of perception / To an elevation of life” è il refrain di “Ascension #2”, brano di apertura del primo prodotto targato FearyTales, di cui tutti ricorderemo le immagini tratte dalle cantiche del Paradiso de “La Divina Commedia” cui rimanderebbe.
Atmosfericamente parlando, l’omonimo disco del quartetto torinese richiama il gioco di parole ‘fairy tale’ = ‘fiaba’ / ‘feary tale’ = ‘racconto di paura’: lo notiamo dal primo giro strumentale di un brano veloce dove il ritmo scandito dalla batteria e dalla chitarra batte con severità ed echeggia ai confini di un hardcore moderno, per poii ripescare dai classicismi maideniani. Cambiano nuovamente le aspettative con “Culto della Morte”, una ballata arricchita da passaggi heavy e drammatici. La composizione dei brani vorrebbe nascere da una sensazione o stato d’animo filtrati dalla musica ascoltata in quel determinato momento, ed ecco che anche “Black 2.0” porta immediatamente alla nostra mente i migliori Iron Maiden degli anni ’80 con un altro episodio heavy. Non è necessario sottolinearlo, ma le preferenze dei singoli componenti dei FearyTales sono riscontrabili in ogni dove e, nonostante la passione palpabile di Chiariglione e compagni verso il proprio lavoro, auspichiamo in un secondo lavoro in studio un’impronta più definita e personale;”Fearytales” non dimostra infatti di avere le idee chiare su quale sia il suo messaggio o il suo contenuto. Concludiamo pertanto il nostro viaggio con “On the Duck’s Neck”, brano dalle andature leggere, rock, con arpeggi di chitarra e voci calde, sentori poetici del profondo e sommesso carattere della band. Perché, badate, la passione c’è, ma da sola non basta.

TRACKLIST

  1. Ascension #2
  2. Culto della Morte
  3. Black 2.0
  4. On the Duck’s Neck
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.