FEN – Carrion Skies

Pubblicato il 02/12/2014 da
voto
7.5
  • Band: FEN
  • Durata: 01:02:23
  • Disponibile dal: 22/11/2014
  • Etichetta: Code666
  • Distributore: Audioglobe

Inizia a diventare importante la discografia dei Fen, che in meno di un decennio sono riusciti a confezionare quattro album, due EP e uno split. “Carrion Skies” è appunto il quarto full-length del gruppo britannico, autore di un black metal contemporaneo scuro e sbilenco, sofisticato nelle composizioni e dedito ai luoghi dell’anima più bui. Sebbene ci sia una profonda differenza tra le prime due uscite dei Nostri e le ultime due – le prime caratterizzate da uno spiccato spirito casalingo e più rudimentali, le seconde perfezionate e levigate dall’introduzione di pesanti influenze post rock – è forse solo con questo nuovo disco che il sound ha compiuto una decisiva svolta, consolidando quanto espresso sul precedente “Dustwalker”. Le ambientazioni sonore che contornano le storie e i tormenti del frontman The Watcher sono definitivamente passate da un black-folk metal spigoloso, fatto di ansia e sussulti, ad un avantgarde metal fluido, coeso ed altamente cinematico, dove alla sempre presente base estrema vengono sovrapposte soluzioni jazzate, psichedeliche e le suddette, immacabili, derive post rock. “Our Names Written in Embers: Pt. 1” introduce al meglio il mondo dei Fen, un mondo ombroso e torbido, ricco di scenari pericolosi quanto eleganti, le cui nebbie hanno chiaramente qualcosa in comune con quelle di maestri quali Agalloch, Enslaved o Drudkh. La tracklist si sviluppa come una storia romantica e decadente, ambientata ora in una brughiera brumosa, ora in una palude putrescente, teatro di vite incerte e malinconiche. Le composizioni sono ora violente, ora ipnotiche e ventose: “The Dying Stars” e “Menhir – Supplicant”, in particolare, mostrano, in tutta la loro pienezza, le capacità esecutive ma soprattutto di arrangiamento dei ragazzi di Londra: forse i Nostri verranno sempre considerati dei “follower” da parte dei sostenitori delle band citate poc’anzi, tuttavia ormai è indubbio che grazie alla caratura di alcuni di questi nuovi brani i Fen abbiano raggiunto i cosiddetti piani alti del genere. La sola pecca di “Carrion Skies”, ciò che non ci permette di promuoverlo a pieni voti, è giusto il fatto che arrivare alla fine della sua storia a volte può stancare un po’: forse è colpa delle dinamiche non sempre incalzanti, ma è anche vero che qua e là sarebbe stato il caso di sfoltire degli episodi, accorciando qualche passaggio. Nel suo insieme, comunque, “Carrion Skies” rimane un’opera pregevole, la più “ricca” della discografia dei Fen e colonna sonora perfetta per queste giornate umide e uggiose.

TRACKLIST

  1. Our Names Written in Embers: Pt. 1
  2. Our Names Written in Embers: Pt. 2
  3. The Dying Stars
  4. Sentinels
  5. Menhir - Supplicant
  6. Gathering the Stones
2 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.