FILIPPO BELLAVIA & B. STREET BAND – Zappa In Blues

Pubblicato il 02/03/2009 da
voto
7.5

Sintetizzare la carriera di uno dei più grandi e geniali chitarristi della storia del rock, seppure sotto forma di tributo, è impresa non da poco sia per la straordinaria caratura del musicista, sia per l’estensione oceanica della sua opera che conta circa 60 album, senza contare i lavori postumi realizzati dallo Zappa Family Trust, i bootleg e le varie collaborazioni. Nell’impresa titanica si è cimentato Filippo Bellavia insieme alla sua B. Street Band (ogni riferimento è puramente casuale…) che con questo “Zappa In Blues” ci presenta 11 brani composti dal chitarrista di Baltimora. I fans del musicista di origini italiane sanno bene che la produzione di Zappa può idealmente essere divisa in due tronconi: una prima parte nella quale il geniale chitarrista mette in mostra tutte le sue influenze provenienti dal blues e una seconda parte invece fortemente influenzata dal rock. Il nostro Bellavia ha selezionato una manciata di brani che si inseriscono nella prima parte dell’incredibile carriera di Zappa e insieme alla sua famiglia (la B. sta appunto per Bellavia) ha confezionato un album sicuramente interessante, dove gli 11 brani vengono fedelmente riproposti come nella versione originale, mettendo in mostra una straordinaria tecnica esecutiva, premessa obbligatoria per poter riprendere qualsiasi lavoro del chitarrista americano. Un album di puro blues condito dalla genialità di un musicista semplicemente unico nel panorama musicale mondiale, un tributo che non è una rivisitazione ma non per questo risulta scontato: spesso nei tributi si va ricercando l’originalità o la rielaborazione dei brani, ma in questo caso sarebbe stato un grosso errore perché rielaborare un brano già di per sé geniale rischierebbe di stravolgere il risultato; invece Bellavia e la sua band mostrano non solo di conoscere alla perfezione l’opera e lo spirito che ha sempre accompagnato Frank Zappa, ma mettono in mostra una qualità che di questi tempi è merce sempre più rara: talento da vendere. Poco importa se ci si è limitati (anche se nel caso di Zappa non si può mai parlare di limiti…) a riproporre pedissequamente la sua opera, anche perché sfido chiunque a rielaborare l’opera in questione senza scadere. Ciliegina sulla torta la presenza di Ike Willis, storico singer del musicista americano, come singer in “Bamboozled By Love”. Quindi giù il cappello di fronte a questo lavoro che magari non regala nulla di nuovo ai fans del geniale chitarrista, ma che rende ancora una volta onore ad uno dei più grandi e incredibili musicisti che il rock, e non solo, ricordi.

TRACKLIST

  1. Road Ladies
  2. San Berdino
  3. Suicide Chump
  4. The Torture never stops
  5. Dong Work For Yuda
  6. Cosmik Debris
  7. Penguin In Bondage
  8. Big Leg Emma
  9. Advance Romance
  10. Bamboolzed By Love (feat Ike Willis)
  11. In France
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.