FIREBIRD – Deluxe

Pubblicato il 04/10/2001 da
voto
7.5
  • Band: FIREBIRD
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2001
  • Etichetta:
  • Distributore: Audioglobe

Dopo anni trascorsi a testa alta nelle file più calde del death metal, in quanto storico chitarrista dei Carcass, il grande Bill Steer si dedica da qualche tempo a questa parte ad uno stile completamente differente, se vogliamo anche più accessibile ma non certo alla portata di tutti: stiamo parlando del sound dei mitici anni settanta, decade che ha visto nascere band leggendarie e mai dimenticate come Led Zeppelin, Deep Purple e Black Sabbath, tanto per citare i nomi più conosciuti, e se sentite un richiamo dal profondo nel sentir nominare questi gruppi (e spero proprio di si) non potrete fare a meno di ascoltare quest’ultimo album dei Firebird, in cui militano, oltre al gia citato Bill, Ludwig Witt degli Spiritual Beggars e Leo Smee dei sabbathiani Cathedral. “Deluxe”, è senza dubbio uno dei dischi più belli che mi sia capitato di ascoltare recentemente, ed è in grado di dare emozioni ormai rare in un mondo per certi versi saturo di band e di stili che di diverso hanno solo il nome, o meglio l’etichetta.Lungo le dieci tracce del disco non si perdono colpi, non ci sono brutte sorprese ed ogni canzone aggiunge un tassello ad un disco a cui non si può proprio rimproverare niente.Inutile fare qui un elenco delle song, posso soltanto dire che le mie preferite sono “Zoltana”, ottimo pezzo di puro hard rock con l’odore del blues addosso, e “Slow Blues”, brano, con tanto di armonica, che chiude il disco ed al contrario del titolo non è affatto un lento, ma assomiglia più ad una jam sassion tra blues men arrivati ormai al fondo della bottiglia. In attesa di vederli dal vivo, posso consigliarvi, su suggerimento dello stesso Steer, di gustarvi “Deluxe” in versione rigorosamente su vinile. You can’t kill rock n’roll!

TRACKLIST

  1. Dirt Trap
  2. Forsaken
  3. Hammer And Tongs
  4. Steamroller
  5. Miles From Nowhere
  6. Zoltana
  7. Lonely & Sober
  8. Sinner takes All
  9. Sad Man’s Quarter
  10. Slow Blues
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.