FIT FOR AN AUTOPSY – Hellbound

Pubblicato il 29/09/2013 da
voto
6.5
  • Band: FIT FOR AN AUTOPSY
  • Durata: 00:38:00
  • Disponibile dal: 04/10/2013
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Le sonorità dei Fit For An Autopsy potrebbero far pensare ad un gruppo formato da novellini, ma in realtà i ragazzi sono dei veterani della scena della East Coast statunitense. Il frontman Nate Johnson, in particolare, ha fatto parte di numerose band che gli amanti delle sonorità “core” dell’ultimo decennio potrebbero ricordarsi: Turmoil, Premonitions Of War, Through The Eyes Of The Dead, Since The Flood… e la lista potrebbe proseguire. Attivi dal 2008, i Fit For An Autopsy sono uno dei progetti più recenti del Nostro, che con i suoi compari si cimenta in un death-core piuttosto tecnico e dai rintocchi atmosferici. Una volta preso nota di evidenti influenze Whitechapel, ultimi Ion Dissonance e Gojira, si ha conferma di una band mediamente ispirata, che trasmette solidità e volontà di potenza. Un album, questo “Hellbound” (il secondo della carriera del gruppo), marmoreo nell’incedere e dal suono compresso; un platter che scarica sull’ascoltatore tonnellate di riff quadrati e stordenti, ma che a queste scosse affianca pure delle velleità riflessive che si manifestano soprattutto in piccoli spunti ambient e in arrangiamenti ed assoli curati. A livello compositivo/esecutivo, rispetto ai compagni di etichetta Legion siamo senz’altro su livelli più elevati – ma su questo già in partenza vi erano pochi dubbi, vista l’esperienza dei musicisti coinvolti. Tuttavia, se si desidera paragonare gli sforzi dei Fit For An Autopsy a quelli degli attuali leader del settore – Whitechapel, appunto – si nota come Johnson e soci debbano ancora affinare un po’ la loro proposta per ambire a grandi traguardi. Il disco parte bene, ma, nella sua seconda parte, questo inizia ad assumere i connotati di una massa poco definita, in cui le tracce sfociano le une nelle altre senza offrire passaggi veramente memorabili. L’interpretazione di Johnson smuove sempre, ma qua e là manca un supporto altrettanto sontuoso da parte della base strumentale. In ogni caso, chi è davvero fan di certe sonorità potrebbe apprezzare, perlomeno all’altezza di brani come “The Great Gift Of The World”, “Still We Destroy” o “The Travelers”.

TRACKLIST

  1. The Great Gift Of The World
  2. Still We Destroy
  3. Thank You Budd Dwyer
  4. Do You See Him
  5. Tremors
  6. Dead In The Dirt
  7. There Is Nothing Here Worth Keeping
  8. Mother Of The Year
  9. Children Of The Corn Syrup
  10. The Travelers
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.