FIVE FINGER DEATH PUNCH – A Decade Of Destruction

Pubblicato il 04/12/2017 da
voto
7.0
  • Band: FIVE FINGER DEATH PUNCH
  • Durata: 00.42.15
  • Disponibile dal: 01/12/2017
  • Etichetta: Eleven Seven Music
  • Distributore: Warner Bros

Dopo dieci anni di carriera il 2017 ha tentato in tutti i modi di fermare il carrarmato Five Finger Death Punch: una causa legale ha bloccato l’uscita del nuovo disco, mentre il demone dell’alcool si stava portando via il frontman Ivan Moody. La perseveranza del gruppo ha comunque avuto la meglio, ecco quindi arrivare questa raccolta a terminare il contratto negli Stati Uniti con Prospect Park (in Europa la band resta con Eleven Seven) in attesa che possa essere pubblicato il nuovo album in studio, pronto dal gennaio scorso. Punto focale di interesse sono sicuramente gli inediti, nell’era delle playlist unico vero motivo oltre al collezionismo che potrebbe spingere all’acquisto di questa raccolta che ripercorre, senza alcun colpo di scena, tutti i successi della band. I Death Punch si sono infatti battuti per inserire due pezzi nuovi dalle sessioni del prossimo album in questo “Decade Of Destruction”. Il primo è “Trouble”, costruito su un riff ruffiano e un beat scintillante, con un ritornello melodico di facile presa. Un singolo che potrebbe essere composto da un algoritmo per quanto memorizzabile, il classico brano che può essere tacciato di superficialità e che potrebbe sembrare scritto col pilota automatico ma un altro brano che nessuno, guarda caso, riesce ad eguagliare per efficacia. Il secondo inedito è un lento d’atmosfera che si posa sulla voce suadente e virile di Ivan Moody, sempre capace di trasmettere sentimenti diretti, epico e drammatico come un film di guerra. A molti servirà arrivare al ritornello per intuire che si tratta di una rilettura molto efficace della celebre “Gone Away” dei The Offspring, forse il singolo più atipico e introspettivo dei californiani, insospettabile gruppo preferito del frontman dei Death Punch. Una cover sorprendente e memorabile che contiene tutti gli elementi distintivi della formula 5FDP, davvero a fuoco. Il resto, come abbiamo già detto, è praticamente la scaletta che la band va a raffinare di anno in anno, con unica assente quella “Burn MF” che rappresenta il lato più ruvido del gruppo, in questo modo davvero poco rappresentato. I collezionisti non se lo faranno mancare, potrebbe comunque rimanere un regalo piacevole o un modo per introdurre qualcuno ad una delle band più importanti della attuale scena mainstream.

TRACKLIST

  1. Trouble
  2. Gone Away
  3. Lift Me Up” (Feat. Rob Halford)
  4. Wash It All Away
  5. Bad Company
  6. Under and Over It
  7. Wrong Side of Heaven
  8. House Of The Rising Sun
  9. I Apologize
  10. The Bleeding
  11. Jekyll and Hyde
  12. Remember Everything
  13. Coming Down
  14. My Nemesis
  15. Battle Born
  16. Far From Home
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.