FLASHBACK OF ANGER – T.S.R.

Pubblicato il 15/11/2014 da
voto
7.5
  • Band: FLASHBACK OF ANGER
  • Durata: 01:01:36
  • Disponibile dal: 26/04/2014
  • Etichetta: Icewarrior Records
  • Distributore:

Streaming:

Secondo album ufficiale per la band toscana Flashback Of Anger, autrice nel 2009 del buonissimo debutto “Splinters Of Life”; oggi, dopo un forzato cambio di formazione (il bassista Francesco Masini è purtroppo scomparso prematuramente, sostituito oggi da Andrea Torricini dei Vision Divine), la band finalmente ritorna sul mercato con “T.S.R.”, acronimo di “Terminate And Stay Resident”, un album davvero ben fatto. Descrivendo il sound dei Flashback Of Anger, si potrebbe dire che esso è molto simile a quello dei Secret Sphere della prima metà degli anni 2000, virato però più al progressive che al power ed anche la somiglianza tra il tono vocale del cantante e tastierista Alessio Gori, bravissimo davvero, con quello di Roberto Messina aiuta molto il paragone, ma si riscontrano anche notevoli soluzioni che ricordano i gloriosi Arachnes dei fratelli Caruso (ovviamente fino a “Primary Fear”, disco che segna l’abbandono della band al power metal), i Vision Divine moderni ed i Symphony X. Ogni brano di questo album è scritto in maniera grandiosa ed è suonato alla perfezione da ogni membro del gruppo, e la produzione cristallina sottolinea al meglio tutto questo, ma si fanno notare sopra le altre canzoni l’opener “Mother’s Soldier”, che nelle sue continue variazioni espone al pubblico tutte le anime che vivono nel sound del gruppo, e poi la magnifica ed articolata “Hiroshima & Nagasaki (Is This Mankind)”, suite da 8 minuti intensa e drammatica e l’emozionante e commovente ballad “Don’t Let Me Fade”, dedicata al bassista scomparso; da segnalare la presenza come ospite del ‘prezzemolino’ e sempre apprezzato Fabio Lione sulla bella “Black Prince”, che troviamo anche nella versione originale come bonus track. Lo splendido artwork ad opera di Gustavo Sazes completa il tutto. Un album che si lascia apprezzare da subito e che si ascolta a lungo senza annoiare mai.

TRACKLIST

  1. Mother’s Soldier
  2. False Idols
  3. Gynophobia
  4. Don’t Let Me Fade
  5. The Great Fire
  6. Black Prince
  7. Shattered Promises
  8. My Angel
  9. Hiroshima & Nagasaki (Is This Mankind?)
  10. Power Play
  11. Black Prince (Original Version, Bonus Track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.