FOR THE FALLEN DREAMS – Wasted Youth

Pubblicato il 12/08/2012 da
voto
5.0

Spotify:

Apple Music:

I For The Fallen Dreams sono un giovanissimo quintetto del Michigan giunto alla quarta release discografica e sul quale francamente ci sembra sin troppo scontato infierire. Se infatti si proverà a leggere alcuni pareri relativamente a questa uscita, ci si imbatterà in un autentico bagno di sangue di recensioni che spesso e volentieri sfociano al limite dell’ingiuria – crediamo però più nei confronti di un genere disprezzato dai puristi, che per un reale giudizio negativo nei riguardi di questo specifico album, che diventa il classico capro espiatorio. Certo, dopo aver sentito l’ennesima canzone iniziare, svolgersi e finire nello stesso modo della precedente, la tentazione di sparare a zero su questa band in effetti può venire, ma, per onor di cronac,a cercheremo di essere quanto più obiettivi si riesca ad essere. Iniziamo col descrivere il genere, che è quello che ci verrebbe da definire come “pop-core”, ovvero, una serie di riff cadenzati con in mezzo ritornelli pop/punk (dal retrogusto vagamente Blink 182). Il genere in effetti non offre molti spazi di evoluzione, e gli appassionati di queste sonorità molto probabilmente hanno bisogno proprio che i loro album preferiti suonino in questa maniera. Siamo pertanto assolutamente certi che questi ragazzi godano di un successo strepitoso tra i giovanissimi, esattamente come gruppi tipo Asking Alexandria, Attack Attack, A Day To Remember e via dicendo. Ecco quindi che se anche voi siete amanti di questo genere di sonorità, probabilmente sarete già a conoscenza anche dell’operato dei For The Fallen Dreams; in caso contrario, siamo certi che giunti a questo punto della recensione la band avrà già un fan in più sul proprio Facebook o Twitter o Myspace. C’è da dire però che se la vostra collezione di dischi avrà già superato la doppia cifra – ammesso che ci sia rimasto qualcuno che effettivamente compri ancora i CD – converrete con noi sulla pochezza compositiva di questo album, che oggettivamente è basato per il 90% della sua durata su tre riff (mosh) e su ritornelli che francamente non sono nemmeno così belli, essendo per lo più monocordi e anche un po’ lagnosi. Se c’è da dare invece un merito ai For The Fallen Dreams è quello di conoscere molto bene la ricetta del successo in questi tempi di magra, la quale sta semplicemente nello scrivere brani come li hanno scritti loro: semplici e orecchiabili. A tutto il resto pensa il loro pubblico e l’etichetta che li ha prodotti e fatti diventare una sorta di bestia mediatica sulla bocca di mezzo web. D’altra parte, si sa che nella musica ad avere successo sono sempre gli artisti più discussi e magari criticati. Noi, nel nostro piccolo, ci limitiamo semplicemente a consigliare ciò che secondo le nostre orecchie merita di essere sentito ed apprezzato oppure no; sinceramente, non consiglieremmo “Wasted Youth” nemmeno sotto tortura. Tuttavia, se vi piace davvero il genere, accomodatevi pure…

TRACKLIST

  1. Hollow
  2. Resolvent Feelings
  3. Please Don’t Hurt
  4. Until It Runs Out
  5. Sober
  6. Living A Lie
  7. Always About You
  8. Moving Forward
  9. Your Funeral
  10. When Push Comes To Shove
  11. No One To Blame
  12. Waking Up Alone
  13. Pretending
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.