FURY ‘N’ GRACE – A Dream-Letter To The Witches Of Western Europe

Pubblicato il 06/11/2016 da
voto
6.5
  • Band: FURY 'N' GRACE
  • Durata: 01:10:41
  • Disponibile dal: 11/10/2016
  • Etichetta: Underground Symphony
  • Distributore: Audioglobe

I Fury ‘n’ Grace si erano già guadagnati la fama di essere un gruppo un po’ atipico, difficile da etichettare, grazie a due album come “Tales Of The Grotesque And The Arabesque” del 2007 e “Diabolism Of Conversation”. Il loro nuovo lavoro, intitolato stavolta “A Dream-Letter To The Witches Of Western Europe”, non è certo da meno: intriganti ed irriverenti, i Fury ‘n’ Grace si lasciano andare a pezzi molto articolati, dalla struttura aperta, nei quali tra sulfuree atmosfere doom può davvero succedere di tutto, da pregevoli inserti di sax a versi demenziali, da passaggi tecnici di una certa complessità a lunghe parti recitate, da momenti di lisergica psichedelia a spettrali ma tediosi effetti sonori. Come per i precedenti lavori, la musica dei Fury ‘n’ Grace finisce così per essere affascinante ma allo stesso tempo piuttosto ostica, da ascoltare più volte con attenzione, ma neppure da prendere troppo sul serio. Probabilmente talvolta una struttura più snella di certe tracce aiuterebbe ad apprezzare meglio questa band, che a tratti dimostra di essere assolutamente geniale, ma che a volte sembra intestardirsi nel rendere le cose difficili o comunque poco lineari, tentando di sfuggire alla banalità con la prolissità o con soluzioni che in fin dei conti non sempre risultano efficaci come dovrebbero. A nostro parere, con questo terzo disco, i Fury ‘n’ Grace confermano di essere una band fuori dal comune, in grado di tirare fuori idee eccezionali, che però poi di fatto non riesce del tutto ad ottimizzare: probabilmente, con un’impostazione un po’ diversa, il platter in questione poteva essere davvero un capolavoro, invece risulta persino irritante per come tanta genialità venga quasi diluita in mezzo ad un grande calderone dove si ritrovano tante cose, magari non sempre indispensabili. A margine, una nota di merito va fatta per il nuovo cantante Franco Campanella (Spanking Hour) che si rivela davvero istrionico e versatile nelle sue interpretazioni.”A Dream-Letter To The Witches Of Western Europe” è dunque in fin dei conti un disco interessante, che merita grande attenzione, ma che ha bisogno di tempo e soprattutto di molta pazienza per poter essere pienamente apprezzato.

TRACKLIST

  1. Grand Guignol
  2. The Ossuary
  3. Night Of The Mandibles
  4. Ultima Weapon
  5. A Dream-Letter To The Witches Of Western Europe
  6. Dark Companions
  7. Nuove Frontiere Del Delitto
  8. Gloria In Excelsis Baphometo
  9. The Effects Of Blackness Moderated
  10. The Secrecy Of Small Creatures With Six Legs
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.