FURY ‘N’ GRACE – Diabolism Of Conversation

Pubblicato il 18/10/2011 da
voto
7.5
  • Band: FURY 'N' GRACE
  • Durata: 01:13:58
  • Disponibile dal: 01/09/2011
  • Etichetta: Underground Symphony
  • Distributore:

Alle volte, aldilà delle proprie preferenze di genere e di sonorità, si può anche semplicemente dimenticarsi che esiste il death, il black, il power e via dicendo, e semplicemente godersi della buona musica pesante, nella quale ritrovare tutti quegli elementi che hanno avvicinato noi tutti a questo grande “concetto” chiamato Metal. Questo pensiero introduttivo calza perfettamente con i nostrani Fury’N’Grace, sia come riconoscimento al genio dei quattro musicisti nel creare qualcosa di assolutamente unico e personale, ma anche per una certa egoistica comodità da parte nostra che recensiamo: avremmo infatti indubbiamente grossi problemi a definire il genere proposto dalla band. Progressive avantgard doom metal. Che vuol dire? Nel gergo normale nulla, lo ammettiamo, ma quando questa definizione viene affiancata a questo “Diabolism Of Conversation”, essa può quasi sembrare sensata. Progressive perché è l’indubbia base dalla quale i Fury’N’Grace partono per la costruzione delle loro complessissime (a volte anche troppo) composizioni. Doom, perché l’oscuro, sulfureo, maligno, lavoro delle possenti chitarre non può non richiamarci alla mente suggestioni di Cathedral, Black Sabbath e While Heaven Wept. Ed infine ‘avantgarde’, il termine più calzante forse, perché effettivamente l’uso della sperimentazione, la voglia di proporre qualcosa di diverso e la capacità (non mera volontà) di farci ragionare su ogni singolo pezzo per comprenderlo a fondo, non può che meritare questa accezione. Dunque, volendo tirare le somme, come suona questo ‘Diabolism Of Conversation”? Suona unico, questo è indubbio. E’ un cupo, disperato, oppressivo viaggio attraverso un personale inferno interiore: una macabra spedizione in luoghi a tratti gelidi, avvolti dal fumo generato dal doom più lento e pesante (“Architecture” e “Of Human Details”), e in altri luoghi invece segnati dalle vampe di fuoco di improvvisi scatti d’ira, accompagnati dalle furiose performance dei musicisti (“The Darkening Of A Violet Plume”). Come uscirne da questo viaggio è lasciato ad ogni singolo ascoltatore; “Diabolism Of Conversartion” non è un disco facile. E’ un disco che se viene ascoltato nel momento sbagliato può risultare ostico, addirittura irritante, nel suo continuo negarsi ad un ascolto facile e poco impegnativo. Potrà anche farvi incazzare, e allora lo lascerete perdere, per concentrarvi invece su qualcosa di più lineare e che vi faccia sentire più a vostro agio tramite le costruzioni, i ritmi ed i suoni che preferite. Ma può però anche essere un disco che finirà per rappresentare una sfida contro voi stessi. Uno sforzo di attenzione che vorrete fare per cogliere le sfumature di questo fumoso ed effimero lavoro, uno sforzo anche di resistenza per confrontarsi con i massicci muri di chitarre doom, l’ecletticismo di una batteria che prende sia dal prog che dal death più tecnico e ad una voce perduta, compassata, ma anche maligna nello spiegarvi i folli testi legati alla morte, al decadimento, al finire di tutte le cose. Quello che deciderete per affrontare questo album è lasciato a voi; noi, come detto in apertura, ci limitiamo a toglierci il cappello in onore alla genialità espressa dal quartetto di Varese, tra l’altro ora ulteriormente arricchito della voce di Deathmaster (Doomsword). Folli e geniali.

TRACKLIST

  1. Macabro
  2. Diabolism Of Conversation
  3. Privilege Of Death
  4. In Midnight Gardens burn the Veils of Evening Fears
  5. The Serpent
  6. The Serpent – Coda
  7. Of Human Details
  8. Architecture
  9. The Darkening Of A Violet Plume
  10. San Nicolao
  11. Paraphernalia Of The Mystic Meat
  12. Gavotte for the Ghosts in the Oven
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.