GABRIELS – Fist Of The Seven Stars Act 2 (Hokuto Brothers)

Pubblicato il 11/09/2018 da
voto
8.0
  • Band: GABRIELS
  • Durata: 01:05:00
  • Disponibile dal: 31/08/2018
  • Etichetta: Rockshots
  • Distributore: Audioglobe

Gabriels, virtuoso tastierista e compositore, prosegue la sua metal opera “Fist Of The Seven Stars”, pubblicando il secondo atto, sottotilato “Hokuto Brothers”. Ricordiamo che tutta l’opera è ispirata al manga “Hokuto No Ken”, in Italia meglio conosciuto come Ken il Guerriero, dal quale è stata tratta una serie animata di grande successo.
Il protagonista è interpretato da Wild Steel (Shadow Of Steel), ma in generale il cast è anche stavolta molto ampio e ben assortito, risultando davvero di tutto rispetto. Non ci dilunghiamo nell’elencare tutti i musicisti che hanno partecipato al disco perchè la lista è davvero lunghissima, ma citiamo almeno, tra gli altri cantanti, Dario Grillo (Platens, Violet Sun, ex Thy Majestie), Jo Lombardo (Metatrone, Ancestral), Alfonso Giordano (Steel Raiser); tra i chitarristi Antonello Giliberto, Stefano Calvagno (Metatrone), Frank Caruso (Arachnes, 24Strings), Tommy Vitaly, Antonio Pantano (Arcandia); ancora, tra i batteristi, Mattia Stancioiu (ex Labyrinth) e tra i bassisti Beto Vazquez, nonchè il grandissimo Dino Fiorenza. Insomma, un cast niente male, che arricchisce senz’altro il concept messo in piedi da Gabriels, che resta tuttavia assoluto protagonista con le sue tastiere.
In particolare, ci ha colpiti la capacità di far convivere nel disco diversi aspetti: molta ispirazione sembra derivare dal power italiano anni ’90, ma nel corso dell’album ci sono anche sonorità ottantiane, inserti di hammond che fanno molto anni ’70 e atmosfere che sembrano quasi rappresentare un ideale sfondo per tante epiche scene tratte dall’anime (peraltro è stata inserita come bonus track anche la cover di “Heart Of Madness”, brano che fa parte della colonna sonora originale del film animato uscito nel 1986). In realtà, in questo secondo atto, si ritrova un po’ di tutto, c’è potenza, ci sono bellissime melodie, cori maestosi, ci sono passaggi di autentico virtuosimo, c’è anche l’incredibile versatilità di Gabriels che si districa agilmente tra tappeti armonici, straripanti assoli, stili differenti, ma che sfoggia anche un notevole assortimento di timbri, tra synth lisergici, piano, hammond, organo a canne, fanfare, orchestrazioni e chi più ne ha più ne metta.
L’unica traccia che ci ha convinti poco è quella di apertura, “The Search Of Water Bird”, dove sia gli effetti cercati con le parti vocali che gli assoli troppo dilungati e un po’ fini a se stessi, non ci hanno entusiasmato. Per il resto, però la tracklist è davvero molto valida e godibilissima e di certo per chi ama il manga sarà un ulteriore piacere andare a ripercorrerne la storia attraverso le tracce che compongono questo “Fist Of The Seven Stars”. Bellissimo disco, da non far passare assolutamente inosservato.

TRACKLIST

  1. The search of water bird
  2. Cobra clan
  3. End of Cobra
  4. I see again
  5. Scream my name
  6. Miracle land
  7. I’m a genius
  8. Looking for your brother
  9. Myth of Cassandra
  10. Reunion
  11. Legend of fear
  12. King of fist
  13. Heart of Madness (Kodomo Band cover - Bonus Track)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.