GEMINI SYNDROME – 3rd Degree – The Raising

Pubblicato il 06/10/2021 da
voto
6.5
  • Band: GEMINI SYNDROME
  • Durata: 00:47:20
  • Disponibile dal: 15/10/2021
  • Etichetta:
  • Century Media Records
  • Distributore: Sony

Spotify:

Apple Music:

Chi non muore si rivede. Dopo “Lux” (2013) e “Memento Mori” (2016) ci saremmo aspettati il terzo capitolo nel 2019, invece la chiusura della trilogia vede la luce soltanto ora, dopo l’ennesimo cambio della coppia di chitarristi e i prevedibili ritardi dovuti alla pandemia. Poco male verrebbe da dire ascoltando “Reintegration”, “IDK” e “Die With Me”, tripletta d’apertura che azzera la distanza tra “3rd Degree – The Raising” e i primi due lavori, capaci d’imporre il quintetto losangelino come uno dei nomi di punta del nu-metal revival. A spiccare nei primi tre singoli, come da tradizione, è l’espressività dietro al microfono di Aaron Nordstrom, ma procedendo nell’ascolto sorge il dubbio che il resto dell’album non sia all’altezza di cotanto antipasto. Se “Baptized In Fire” e “Children Of The Sun” lasciano un po’ di amaro in bocca per via di ritornelli un po’ piatti, ancora più insipide risultano le due ballad “Best Of Me” e “Hold The Line”,  versione annacquata degli Staind senza però la carica emotiva di Aaron Lewis né quel pizzico di sana ‘paraculaggine’ necessaria per l’airplay radiofonico. Un po’ meglio in questo senso “Where We Started From”, vicina agli ultimi Cold, ma considerando che “Sum Quod Eris” e “Fiat Lux” sono strumentali – utili ai fini del concept metafisico sulla vita dopo la morte, ma che poco aggiungono all’economia del disco – a consolare gli amanti delle chitarre ribassate e dei pantaloni oversize restano solo “Abandoned” e “Absolution”. Come spesso succedere nel caso delle trilogie, il terzo capitolo è dunque il più variegato ma anche il più controverso: nel caso specifico non un brutto lavoro, e tutto sommato apprezziamo anche la volontà della band di voler aumentare le sfumature, ma l’impressione è che tra anniversari eccellenti, ritorni di fiamma e nuove leve in rampa di lancio i Gemini Syndrome abbiano perso il loro posto sul main stage virtuale dell’Ozzfest 2021.

TRACKLIST

  1. Reintegration
  2. IDK
  3. Die With Me
  4. Baptized In Fire
  5. Children of the Sun
  6. Abandoned
  7. Broken Reflection
  8. Sum Quod Eris
  9. Best of Me
  10. Absolution
  11. Hold the Line
  12. Where We Started From
  13. Fiat Lux
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.