GENE SIMMONS – Asshole

Pubblicato il 30/05/2004 da
voto
6.5
  • Band: GENE SIMMONS
  • Durata: 00:44:45
  • Disponibile dal: 08/06/2004
  • Etichetta: Sanctuary Records
  • Distributore: Edel

Con una copertina decisamente kitsch torna la lingua del rock più lunga del mondo, ben ventisei anni dopo il suo primo disco solista: lavoro che contiene un pugno di canzoni davvero ben fatte come la malinconica “Man Of A 1000 Faces”, la melodica “Mr. Make Believe” (condita da un ottimo arpeggio di chitarra acustica), la diretta “Radioactive” e la beatlesiana “See You Tonite”. Gli anni sono passati, i trend sono cambiati velocemente, e il nostro non è stato a guardare passivamente, ma ha assimilato e digerito tutto ciò che gli aggradava e lo ha riversato in questo platter, seppur per onor di cronaca non privo di difetti. Spetta a “Sweet & Dirty Love” il compito di aprire il disco alla grande, grazie al vigoroso e vincente killer riff sul quale si staglia la voce roca e potente di Simmons sorretta dalla poderosa sezione ritmica. Inaspettatamente, il grande rocker rende omaggio ai Prodigy con la celeberrima “I’m The Firestarter”, riuscendo solo parzialmente nel suo intento visto che, se da una parte i potenti riff di chitarra del guest Dave “prezzemolo” Navarro spostano la song su lidi prettamente metal, dall’altra la mancanza delle atmosfere malate della band madre impediscono al pezzo di decollare. “Weapons Of Mass Destruction” è un’altra poderosa rock song, dotata di un riff piacevolmente crunchy ed un refrain facilmente memorizzabile. “Waiting For The Morning Light” è un’emozionante ballad scritta a quattro mani con il grande Bob Dylan, mentre la rockeggiante title track è dotata di un refrain di assoluto impatto. La commovente “Now That You’re Gone” richiama nelle melodie i Beatles mentre le anonime “Beautiful”, “Whatever Turns You On”, “Dog” (davvero brutta!) e “If I Had A Gun” (scontata) abbassano notevolmente il livello qualitativo del platter. Ma ci pensa la “zappiana” “Black Moon” a risollevare le sorti del disco, dalla quale è stato preso un riff inutilizzato del Maestro, sul quale il figlio Dweezil suona la chitarra e la famiglia Zappa al completo si occupa dei cori. La conclusiva “I Dream A Thousand Dreams” è una riuscitissima song dal flavour hawaiano sul quale un corposo tappeto d’archi spiana la strada alla voce malinconica di Gene. Chi ha sempre odiato Gene e la sua band madre di certo non apprezzerà neanche questo lavoro e certamente lui stesso non farà nulla per far cambiare idea ai detrattori definendoli semplicemente e fieramente degli “Asshole”! Icona.

TRACKLIST

  1. Sweet & Dirty Love
  2. I’m The Firestarter
  3. Weapons Of Mass Destruction
  4. Waiting For The Morning Light
  5. Beautiful
  6. Asshole
  7. Now That You’re Gone
  8. Whatever Turns You On
  9. Dog
  10. Black Tongue
  11. Carnival Of Souls
  12. If I Had A Gun
  13. I Dream A Thousand Dreams
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.