GEORGE LYNCH’S SOULS OF WE – Let The Truth Be Know

Pubblicato il 24/01/2009 da
voto
6.5

Spotify:

Apple Music non ancora disponibile

Non è certo una novità il ritorno in scena di George Lynch, il veterano guitar hero Californiano conosciuto ai più per la sua militaza nei Dokken, che questa volta non ci propone il nuovo capitolo dei suoi Lynch’s Mob dopo la reunion nel 2002, bensì il primo passo del progetto solista Souls Of We che lo vede in cooperazione con London Legrand (già voce dei Brides OF Destruction) e una serie di musicisti meno noti. “Let The Truth Be Known” si rivela un disco molto eterogeneo in cui le menti del gruppo non si sono troppo preoccupate di mantenere una compattezza di fondo, preferendo altresì un approccio al songwriting estremamente libero. Non stupitevi dunque di ascoltare un hard rock stradaiolo nella titletrack di apertura, per poi apprezzare le tendenze heavy di “Skeleton Key”. “Key Of Noise” è un mid-tempo monolitico fortemente influenzato dagli Alice In Chains, mentre “Crowling” mette in mostra atmosferici e oscuri modernismi che fanno pensare, con le dovute proporzioni, addirittura ai Korn. Sorprese che sembrano non finire mai grazie al finale progressivo della strumentale “Under The Dead Tree” in cui George può dar sfogo alla propria abilità tecnica con virtuosismi d’autore mai fini a se stessi. Questi continui cambi di direzione rendono l’ascolto di “Let The Truth Be Known” godibile nonostante qualche calo di tensione in evidenza soprattutto nella seconda metà del disco, resta il rammarico per una produzione dal taglio moderno decisamente votata ai bassi in grado si di legare in maniera discreta i vari pezzi ma oscurando sin troppo il lavoro solista di Lynch alla sei corde.

TRACKLIST

  1. Let The Truth Be Known
  2. January
  3. Skeleton Key
  4. Everything I Want
  5. Key Of Noise
  6. Sorry To Say
  7. Crawling
  8. St. Jude
  9. Ghandih's Got A Gun
  10. Push It
  11. Psycho Circus
  12. Nork 13
  13. Adeline
  14. Under The Dead Tree
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.