GIANT X – I

Pubblicato il 13/02/2013 da
voto
6.0
  • Band: GIANT-X
  • Durata: 00:46:08
  • Disponibile dal: 18/01/2013
  • Etichetta:
  • SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

I Giant-X sono la recente creatura di Rock ‘n’ Rolf Kasparek dei Running Wild, una nuova avventura in territori hard rock intrapresa da un musicista che negli ultimi anni sembra aver perso l’ispirazione dei tempi che furono. A dirla tutta, il leader di una delle formazioni heavy/power metal più importanti della Germania è riuscito nel difficile intento di scontentare una schiera di fan a dir poco fedele. Prima una serie di album targati Running Wild ben poco all’altezza delle aspettative e con pecche evidenti quali l’uso di una laccatissima drum machine, poi lo scioglimento della band nel 2009, una ridicola parentesi con l’hardrockettino da teenager di tali improponibili Toxic Taste e infine la riesumazione a breve termine dei Running Wild con un album scarso quale è l’ultimo “Shadowmaker”. Un disco con poca grinta, idee anche meno e registrazione dai suoni scialbi e artificiali. E in tutto questo Rolf è stato accompagnato dal fido scudiero, chitarrista e produttore Peter Jordan. Che aspettarsi dunque da un album che nasce dalla medesima coppia di artisti? Semplice: un altro lavoro sostanzialmente privo di mordente e dai suoni quasi altrettanto mosci e artificiali. Va detto che il risultato complessivo quantomeno strappa con le unghie una sufficienza scarsa ma quanto ci viene proposto su “I” è riassumibile come una piccola manciata di brani godibili e piuttosto vari di stampo hard rock / metal classico, immersi in altri che possiamo tranquillamente etichettare come inutili riempitivi. La incalzante opener “On A Blind Flight” sembra in effetti un filler di uno dei recenti album targati Running Wild, più che altro per i suoni e per il il cantato di Rolf, che nulla si discosta da quanto fatto con la sua band principale. Un blando drumming che ci fa di nuovo pensare ad una drum machine fatta e finita e dei riff non certo memorabili non rendono il brano affatto imperdibile per i fan dell’hard rock più attempato o del metal tradizionale. Il disco migliora decisamente dalla seconda e ariosa “Don’t Quit Till Tomorrow” dal cantabilissimo ritornello da arena e con la bluesy “Badland Blues” in cui spicca un bel riff. Non avevamo mai sentito Rolf in azione su sonorità simili e il risultato è positivo, cosiccome lo è la sua prima ballata di sempre dal titolo “Nameless Heroes”, per mood e interpretazione simile ai lenti epici targati Saxon. Discreto anche il coinvolgente mid tempo “Go For It” e buona “Rough Tide” dal taglio invece più southern. Il resto dei brani, come detto, è piuttosto anonimo e non permette al disco di essere considerato più che un side project volto a soddisfare le voglie di hard rock di Rolf Kasparek. La speranza è che questa valvola di sfogo serva per darci un nuovo album dei Running Wild, la cui uscita è prevista entro il 2013, finalmente degno di tal nome.

TRACKLIST

  1. The Rise Of The Giant X
  2. On A Blind Flight
  3. Don`t Quit Till Tomorrow
  4. Badland Blues
  5. Now Or Never
  6. Nameless Heroes
  7. Go 4 It
  8. The Count
  9. Rough Ride
  10. Friendly Fire
  11. Let`s Dance
  12. Soulsurvivors
  13. R.O.C.K.
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.