GOATH – Luciferian Goath Ritual

Pubblicato il 14/04/2017 da
voto
6.5
  • Band: GOATH
  • Durata: 00:40:58
  • Disponibile dal: 17/03/2017
  • Etichetta:
  • Van Records

Spotify:

Apple Music:

L’underground tedesco si conferma un’autentica fucina di adepti al culto della nera fiamma. Nell’elenco di giovani formazioni che si sono maggiormente distinte negli ultimi mesi spicca senza dubbio il nome dei Goath, terzetto di Norimberga che ha impiegato ben poco per cementare le proprie dinamiche e tuffarsi a piè pari sul mercato, prima con la pubblicazione di un demo autoprodotto e poi con l’entrata nel roster dell’affidabilissima Ván Records (Macabre Omen, The Ruins of Beverast, Urfaust), che in queste settimane dà alla luce il primo full-length “Luciferian Goath Ritual”. Introdotto da un artwork altamente evocativo, il disco si configura come un piccolo salto nel passato, un bigino sugli albori stessi del genere tenuto insieme da una sottile vena occulta e ritualistica, tradotta in sample che si susseguono alla fine di ogni brano e che conferiscono un certo sviluppo narrativo alla tracklist. Soprassedendo su questo lieve accorgimento, l’approccio al songwriting resta comunque 100% organico, con riferimenti stilistici che non si spingono oltre la prima metà dei Nineties: il riffing, bruciante e scriteriato, risente ora dell’influenza gelida di Mayhem e Bathory, ora delle barbarie commesse dai Merciless di “The Awakening”, con qualche puntata nel thrash teutonico d’annata; stessa cosa dicasi per le ritmiche, distribuite fra rasoiate in blast beat e parentesi più controllate, e le voci, un calderone infernale di urla di varia tonalità e parentesi salmodianti à la Attila Csihar, per un risultato finale crudo, eterogeneo e talvolta frammentario. Questa caratteristica, ahinoi, rappresenta sia la forza che il limite dei Goath, esperti conoscitori della materia ma al contempo privi di una loro personalità e di una capacità di scrittura lucidissima, che impediscono ai dieci episodi di “Luciferian…” di decollare come dovrebbero. I die-hard fan del genere, messi di fronte alle varie “Blasphemous Supremacy”, “Into Nihil” e “Enter the Temple”, avranno comunque di che godere.

TRACKLIST

  1. All Became Nothing
  2. Blasphemous Supremacy
  3. Retaliation
  4. Solitudinem
  5. Into Nihil
  6. Necromantic Ways
  7. Resurrection of the Light Bearer
  8. The Hunt, the Instinct
  9. Enter the Temple
  10. Under Death's Shadow
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.