GODWATT – L’Ultimo Sole

Pubblicato il 07/06/2016 da
voto
7.0
  • Band: GODWATT
  • Durata: 00:51:12
  • Disponibile dal: 29/02/2016
  • Etichetta: Jolly Roger Records
  • Distributore:

I laziali Godwatt, freschi di un contratto con Jolly Roger Records, danno alle stampe “L’Ultimo Sole”, che non è un disco di inediti in quanto contiene sette tracce prese dal precedente “MMXVXMM”, autoproduzione del 2014, più altre due già apparse su “Senza Redenzione” del 2013.  Questo lavoro viene aperto da “Catene”, una traccia strumentale dalle tinte stoner molto acide ed ipnotiche, che rende subito l’idea del sound proposto dalla band. “Condannata” suona in modo meno pesante, mentre il cantato italiano dona un tocco di originalità al pezzo, che racchiude influenze nemmeno tanto velate di band come i Kyuss. Durante l’ascolto emergono altri punti fermi della musica firmata Godwatt, le parti più doom infatti si rifanno a mostri sacri come Candlemass e Black Sabbath, accentuate dalla forte vena stoner del terzetto italiano. Con “Memoria” troviamo infatti dei riff figli del maestro Tony Iommi, le ritmiche si mantengono lenti e rocciose, i tempi lenti infondono un’opprimente atmosfera fredda e maligna. Segue un altro breve strumentale, “Cenere”, dalle cadenze più rilassate e sognanti, prima che la lunga e possente “Nostro Veleno” riporti i Godwatt al loro consueto muro ritmico diretto e pesantissimo. “L’ultimo Sole” è un disco molto diretto, l’unico neo che troviamo al suo interno è la mancanza di una hit, i pezzi infatti viaggiano tutti più o meno sullo stesso binario e non ne troviamo uno in grado di sovrastare gli altri. L’unico episodio che si discosta dal sound generale è “Scheletri”, più marcatamente heavy metal tanto da chiamare in causa gli High On Fire. I Godwatt hanno comunque presentato un disco molto credibile contenente le canzoni più forti della loro carriera. Con “L’Ultimo Sole” Jolly Roger Records ha dato la meritata visibilità alla band, riproponendo tracce edite che diversamente sarebbero rimaste nascoste nel sottobosco delle autoproduzioni. Ora però rimaniamo in attesa di un disco di inediti.

TRACKLIST

  1. Catene
  2. Condannata
  3. Memoria
  4. Cenere
  5. Nostro Veleno
  6. Nessuno Mai
  7. L’Ultimo Sole
  8. Scheletro
  9. Venus
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.