GOJIRA – The Way of All Flesh

Pubblicato il 14/10/2008 da
voto
8.0
  • Band: GOJIRA
  • Durata: 01:05:07
  • Disponibile dal: 13/10/2008
  • Etichetta: Listenable Records
  • Distributore: Audioglobe

Sia lode a Max Cavalera, che coi suoi Cavalera Conspiracy ha messo i Gojira sulla bocca di molti. Sia lode a Randy Blythe, fan numero uno che sparge il verbo in terra statunitense e presto anche agli In Flames, che speriamo siano una delle tante realtà affermate a mettere in luce il gruppo… perchè i francesi, arrivati alla maturità con il precedente “From Mars To Sirius”, sono una realtà davvero intrigante. Lode al death metal imprevedibile, affascinante e spiazzante che si mischia, in meravigliosa complessità, alle sfumature di rabbia che rendono un pezzo dei Gojira così splendidamente, immediatamente identificabile. Il marchio di fabbrica di Joe Duplantier e soci consiste nel seguire un motivo abbastanza lineare (per non dire monotono) stravolgendo magistralmente accordi e intonazioni vocali, regalando così diversi sapori, spesso con intenzioni melodiche, per l’intera canzone – come molti gruppi doom, ma con maestria tecnica degna di Meshuggah o Between The Buried And Me. Musica che richiede la vostra completa attenzione, dunque, non come uno di quei CD che lasciate in sottofondo ad un party, come dimostra la ricercatezza di “A Sight To Behold” e il martellamento guerresco di “The Art Of Dying”. Niente nauseanti mid-tempo, niente compromessi per le radio: anche il singolo “Vacuity” resta meditativo e vibrante nella sua epica e cervellotica marcia. C’è spazio anche per sperimentazioni e modernismi: ecco le chitarre scratchate e gli effetti industral di “A Sight To Behold”, quasi a imbrattare di modernità le monumentali “Oroborus” e “Toxic Garbage Island”, ed ecco la collaborazione con il già citato Randy Blythe, che, lontano dal groove dei suoi Lamb Of God, vuole suggellare a ogni costo la passione per i protetti. Inattaccabili anche nelle liriche, che continuano la crociata ambientalista intrapresa nei capitoli precedenti, i Gojira sfornano quello che è probabilmente il loro miglior album di sempre: difficile che il grande pubblico – soprattutto in questi tempi, dove si parla di moda anche nel metal – possa digerire completamente un album tanto lungo, intricato e complesso, ma, se avete potuto apprezzare un “And Justice For All” dai Metallica, potete anche dedicarvi ad una delle uscite più interessanti del 2008. Immergetevi in “The Way Of All Flesh”, non ve ne pentirete.

TRACKLIST

  1. Oroborus
  2. Toxic Garbage Island
  3. A Sight To Behold
  4. Yama's Messengers
  5. The Silver Cord
  6. All The Tears
  7. Adoration For None
  8. The Art Of Dying
  9. Esoteric Surgery
  10. Vacuity
  11. Wolf Down The Earth
  12. The Way Of All Flesh
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.