GRAVE – As Rapture Comes

Pubblicato il 18/07/2006 da
voto
8.0
  • Band: GRAVE
  • Durata: 00:41:10
  • Disponibile dal: 21/07/2006
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Ola Lindgren deve essere incazzato per qualche motivo. Terribilmente incazzato. Non riusciamo altrimenti a spiegarci per quale motivo, da qualche anno a questa parte, ogni album dei suoi Grave sia molto più veloce, brutale e oscuro del precedente. “Back From The Grave” aveva riportato la band su coordinate death metal, ma rimaneva un disco ancorato a midtempo, nonchè alfiere di riff non sempre magistrali. Il successivo, splendido, “Fiendish Regression” aveva invece messo in mostra un songwriting altamente più vario e ispirato, facendosi segnalare come uno dei migliori lavori dei Grave in assoluto. Con il nuovissimo “As Rapture Comes” il quartetto di Stoccolma va però al di là di ogni più rosea aspettativa, configurandosi sin dalle primissime note di quel macigno chiamato “Burn” come un disco totalmente massacrante! A livello stilistico si è nel complesso rimasti sintonizzati sulle frequenze di “Fiendish Regression”, ma non si può davvero fare a meno di notare che le ritmiche di questo nuovo platter siano generalmente più veloci e che Ola abbia modulato la propria voce su un growling ancora più cupo e aspro. I blast-beat hanno definitivamente smesso di essere una piacevole sorpresa, idem i cambi di tempo e le escursioni in territori morbidangeliani. “As Rapture Comes” è un album che non concede tregua, una collezione di brani che va annoverata seduta stante tra le più violente che i nostri abbiano concepito nella loro carriera. Di sicuro si tratta della più veloce di sempre, in quanto – come dicevamo – mai avevamo sentito i Grave utilizzare con tale frequenza ritmiche così moderne e brutali. Non c’è spazio per alcun tipo di melodia nè per quelle sezioni vagamente catchy che avevano fatto la fortuna di un disco come “Soulless”. Ascoltando “As Rapture Comes” – che, tra l’altro, gode di una produzione ruvidissima – si stenta quasi a credere che i Grave in passato abbiano realizzato lavori come quello (che, comunque, era più che valido) o come “Hating Life” e “Back From The Grave”. Qui si ha esclusivamente a che fare con del puro ed incontaminato death metal di stampo svedese, composto, suonato e prodotto da alcuni dei più grandi maestri del genere… ascoltare la monumentale “Living The Dead Behind” o la fantastica cover di “Them Bones” degli Alice In Chains per credere. Che altro dire… li si dava per spacciati, invece, nel giro di un paio d’anni, i Grave sono tornati ad essere una delle band su cui più contare in questo campo. “Fiendish Regression” ci aveva entusiasmati, “As Rapture Comes” a tratti ci lascia quasi sbigottiti. Ormai non ci sono più dubbi: la old-school death metal band più in forma del momento sono i Grave. Fate largo ai re di Svezia!

TRACKLIST

  1. Intro – Day of Reckoning
  2. Burn
  3. Through Eternity
  4. By Demons Bred
  5. Living the Dead Behind
  6. Unholy Terror
  7. Battle of Eden
  8. Epic Obliteration
  9. Them Bones
  10. As Rapture Comes
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.