GRAVEYARD – … for Thine Is the Darkness

Pubblicato il 24/04/2016 da
voto
7.0
  • Band: GRAVEYARD
  • Durata: 00:43:04
  • Disponibile dal: 04/29/2016
  • Etichetta: War Anthem Records
  • Distributore:

Si sente voglia di cambiamento dietro questo nuovo album dei Graveyard. Sinora gli spagnoli si erano sempre fatti segnalare come una competente death metal band, non riuscendo però ad emergere più di tanto nell’agguerrito panorama underground europeo. “…for Thine Is the Darkness” prova invece a dare un calcio alla monotonia offrendo un sound più profondo ed elaborato, dal quale si innalza più di una tentazione doom. Quando il gruppo picchia duro e punta sulla velocità, il paragone con i primi Unleashed e, più in generale, con tutta la vecchia frangia death metal svedese continua a risultare calzante, ma quando i Nostri rallentano – e qui accade abbastanza spesso – i primi nomi che vengono alla mente sono quelli di altre band underground come Chapel of Disease, Necros Christos (soprattutto quando vi è un che di mediorientale nelle melodie) o i compianti Morbus Chron. In generale, si nota insomma una maggiore cura nella componente atmosferica e nei risvolti melodici della proposta; anche la scelta di includere un gran numero di intermezzi strumentali corrobora questa teoria, visto che durante l’ascolto di continuo si viene messi nelle condizioni di tirare il fiato e di discernere con calma gli intrecci chitarristici. Ovviamente i suoni e l’immaginario a cui i Graveyard fanno riferimento restano prettamente old school, ma chiunque abbia familiarità con la carriera dei ragazzi non potrà fare a meno di notare l’affinamento complessivo delle trame musicali e del comparto lirico. “…for Thine Is the Darkness” non è dunque un disco che si limita ad istigare all’headbanging: con questo nuovo materiale il gruppo ha provato ad alzare l’asticella e a misurarsi con qualcosa di più sosfisticato, facendo però sempre il possibile per non perdere impatto. Tutto sommato, alcuni episodi della tracklist risultano più sviluppati e completi di altri, ma l’impressione generale è comunque positiva: i Graveyard hanno forse capito che le probabilità di risultare rilevanti continuando a battere le stesse abusate coordinate sonore (quelle appunto care ad Unleashed, Dismember e compagnia) si stavano assottigliando e hanno perciò deciso di osare. E, per essere un primo tentativo, “…for Thine Is the Darkness” non è affatto male.

TRACKLIST

  1. Almulk Biallawn Al'Asfar
  2. With Fear and Thirst
  3. Threshold I
  4. Mine is the Shining Light
  5. Threshold II
  6. The Mighty Colums of Irem
  7. Threshold III
  8. Hidden Amidst the Stars
  9. Threshold IV
  10. To Earth and Death
  11. Threshold V
  12. Defy & Conquer
  13. Threshold VI
  14. The Womb of the Desert
  15. Threshold VII
  16. Son of the Aeon / Sun of the Daemon
  17. Alqabr Al'Abdi
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.