GUS G. – Quantum Leap

Pubblicato il 27/10/2021 da
voto
7.5
  • Band: GUS G.
  • Durata: 00:46:00
  • Disponibile dal: 08/10/2021
  • Etichetta:
  • AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Nuovo album solista per il talentuosissimo chitarrista ellenico Gus G. (in forza nei Firewind, ed ex Ozzy, Dream Evil e Mystic Prophecy). Questa volta si tratta di un lavoro completamente strumentale, nel quale Gus G. espone non solo tutta la sua incredibile perizia tecnica, ma prova a creare adeguati spazi sonori per tutta la gamma di influenze musicali che compongono il suo immaginario chitarristico. Così “Quantum Leap” non si limita a essere soltanto un disco capace di mandare in estasi gli amanti dei guitar hero e di certo virtuosismo particolarmente apprezzato nel mondo metal: è un album che fa di tutto per essere ascoltabile con piacere in modo trasversale, con grandi intuizioni melodiche in una sequenza di brani tutti allestiti sull’impianto di una forma-canzone più o meno classica.
Il lavoro compositivo di Gus G. fa sì che la sua chitarra possa costruire strati musicali ed emotivi: da riff al fulmicotone e/o massicci provenienti dalle recenti scuole del classic metal modernizzato (anche da band in cui Gus G. ha militato, come i Dream Evil) passando per soli complessi ma mai svuotati di un qualche gusto melodico o tensione quasi ‘narrativa’ (in questo sono evidenti almeno due riferimenti ad illustri colleghi di Gus G., cioè Jeff Loomis e Kiko Loureiro). Ogni canzone fa un suo percorso, capace di ‘raccontare’ qualcosa nonostante l’assenza di parti cantate, ed è proprio questo che ci si dovrebbe aspettare da un album strumentale di un grande chitarrista: non uno sciorinare il proprio talento e le proprie capacità tecniche, ma un album a tutti gli effetti, dove la musica tratteggia vie emozionali. Basta ascoltare la tripletta di brani che apre il disco per comprendere il mood di “Quantum Leap”: elementi power incontrano intonazioni dal sapore hard rock o AOR, enfatizzando schemi melodici ricorsivi e che rimangono impressi (come i vari Satriani e Vai insegnarono con i loro lavori migliori). Non mancano brani più ricercati e variegati, forse meno d’impatto ma dove Gus G. dimostra amori musicali che travalicano la sfera del metal (“Chronesthesia” e “Eingma Of Life”) o che comunque vanno al di fuori dal heavy/power che lo ha reso celebre (le ottantiane ma gustosissime “Night Driver” e “Not Forgotten”). C’è purtroppo spazio anche per momenti meno ispirati, specialmente nella zona centrale del lotto, come la prevedibile “Judgement Day”, la poco incisiva “Fierce” e la derivativa “Demon Stomp”: pezzi che comunque, nell’economia del tutto, non sfigurano. Infine, la conclusiva “Force Majeure” si attesta il merito di essere la canzone capace di sintetizzare forse tutto il mondo musicale di Gus G., componendosi in modo magari meno incisivo rispetto ad altre presenti nel disco, ma dimostrando una grande ricchezza di elementi, in un arrangiamento piuttosto ricercato.
“Quantum Leap” è dunque un bel lavoro, che segna l’attuale punto massimo di un chitarrista capace di comporre musica di alta qualità con grande gusto melodico e senza esagerare nell’esporre le proprie doti tecniche: un disco che è un must-have per i fan del power e dell’heavy delle band di provenienza di Gus G., ma che può risultare un ottimo ascolto anche per altre fasce di ascoltatori.

TRACKLIST

  1. Into The Unknown
  2. Exosphere
  3. Quantum Leap
  4. Chronesthesia
  5. Enigma Of Life
  6. Judgement Day
  7. Fierce
  8. Demon Stomp
  9. Night Driver
  10. Not Forgotten
  11. Force Majeure
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.