GWAR – Battle Maximus

Pubblicato il 08/11/2013 da
voto
7.0
  • Band: GWAR
  • Durata: 00:51:03
  • Disponibile dal: 17/09/2013
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Gruppi come i i Gwar hanno bisogno di nuove canzoni giusto per ammodernare la colonna sonora dei loro fantastici spettacoli dal vivo. Chi ha avuto modo di vederli su un palco a danzare mascherati, inscenare decapitazioni condite da zampilli di sangue, parodiare lo star system americano non escludendo i politici, sa benissimo di cosa parliamo. Per gli altri, basti dire che il gruppo è una sorta di compagnia teatrale che usa testi satirici – specie contro la loro patria, gli Stati Uniti – per inscenare delle recite con un sano e duro thrash metal come accompagnamento. Anche in questo nuovo “Battle Maximus”, edito a tre anni di distanza da “Bloody Pit Of Horror” e che vede in formazione un nuovo chitarrista solista, tale Pustulus Maximus di fama Cannabis Corpse, non presenta sostanziali novità, ricalcando la solita mistura di thrash metal ben articolato, dal suono molto live, molto Bay Area, e dal coinvolgimento assicurato vista la maniera in cui sono scritte le canzoni. Fin dalla prima vera traccia, “Madness at the Core of Time”, si viene trascinati in continui cambi di ritmo, percussioni rapide con tanto di doppia cassa a supporto di un lavoro di chitarra molto easy listening. Il nuovo chitarrista dimostra subito le sue doti con i continui arrangiamenti di stampo melodico,  molto in linea con l’atmosfera del brano. “Bloodbath” è altra traccia meritevole della vostra attenzione, scritta con tutti i crismi su elencati e che esalta il lavoro alla voce di Oderus Urungus, abilissimo nel coro, parte trascinante del brano e unico intermezzo di melodia fra tante parti molto dure. Questa continua alternanza di stili all’interno dello stesso brano fa sì che le canzoni scorrano via molto facilmente nonostante il minutaggio sia spesso elevato. Piacciono, fra le altre, “Torture”, brano veramente articolato, carico di groove e che esalta la sezione ritmica, la veloce “Raped At Birth” e la dinamica “I, Bonesnapper”, tutti brani nel classico stile Gwar. Menzione anche per l’ottimo thrash metal della title-track, brano strumentale dove dimostrano le indubbie doti tecniche, che rischiano di passare in subordine ma che invece sono elemento essenziale perché va bene lo spettacolo, ma senza buona musica non si va da nessuna parte. Ennesima conferma per i Gwar, spiacenti di non avervi sorpreso.

TRACKLIST

  1. Intro
  2. Madness at the Core of Time
  3. Bloodbath
  4. Nothing Left Alive
  5. They Swallowed the Sun
  6. Torture
  7. Raped at Birth
  8. I, Bonesnapper
  9. Mr. Perfect
  10. Battle Maximus
  11. Triumph of the Pig Children
  12. Falling
  13. Fly Now
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.