HAIL SPIRIT NOIR – Oi Magoi

Pubblicato il 18/02/2014 da
voto
6.0
  • Band: HAIL SPIRIT NOIR
  • Durata: 00:49:22
  • Disponibile dal: 20/01/2014
  • Etichetta: Code666
  • Distributore: Audioglobe

Bizzarri ed eccentrici come se ne vedono pochi in giro, e ben ancorati alla loro natura black metal, horror rock, psychobilly, e occult rock, come se fossero i figli meticci dei Misfits, dei The Damned, dei Deadbolt, dei Death SS, dei Morturay Drape e dei Negura Bunget, gli Hail Spirit Noir sono davvero una bestia alquanto strana. Nata in Macedonia, la band si porta dietro con orgoglio il proprio bagaglio musicale di origine gitano-balcanica, ma lo ha saputo coniugare in maniera originalissima – ma non poco dispersiva e confusionaria – con l’irriverenza punk dalle tinte splatter di Jerry Only e soci e con le trame occulte del sopracitato occultismo proto-black italico di cui andiamo tanto fieri da ormai oltre trent’anni. Il risultato è un circo surreale di intemperanze punk, psichedelia deviatissima mischiata con un post-rock demente e sclerato di puro stampo misterbungleiano, e una decadentissima indole black metal che serpeggia un po’ ovunque rendendo il quadro ancor meno intelligibile, malato e deviato. Difficile stabilire quale strumento non esista nel lotto visto che c’è un po’ di tutto disseminato in tutto il disco, da sezioni di fiati a ottoni, a organi, a tastiere a percussioni sconosciute, a vecchi synth analogici che fanno tornare alla mente i fasti cinematografici dei Goblin, a tutto quel corollario di strumentazioni balcaniche che inevitabilmente la band con orgoglio giustamente si porta in traino. La band indubbiamente osa, ma spesso i vari momenti del disco durano una manciata di secondi senza compiersi mai realmente per poi interrompersi di botto e lanciarsi in tutt’altri umori, nel giro di pochi secondi, e senza motivo o cognizione di causa apparente. Possono venire in mente band eclettiche e altamente ibride come i Sigh, gli Stolen Babies o i Diablo Swing Orchestra nel tentare di analizzare il lavoro, tanto la rielaborazione e sintesi di generi e stili opposti è estrema nella band, ma il carico di astrazione e incomprensibilità del disco a tratti raggiunge livelli folli, e la difficile individuazione di quali siano i reali intenti della band lascia davvero pochi appigli per apprezzare il lavoro sino in fondo e averne un giudizio finale ponderato e messo a fuoco. “Oi Magoi” insomma è un piccolo enigma, un rompicapo tanto curioso quanto frustrante che sembra non avere soluzione e che, anche a volerla cercare a tutti i costi, inevitabilmente alla fine genera un senso di stanchezza e confusione difficile da sopprimere. Album sfiancante.

TRACKLIST

  1. Blood Guru
  2. Demon for a Day
  3. Satan Is Time 07:03
  4. Satyriko Orgio (Satyrs’ Orgy)
  5. The Mermaid
  6. Hunters
  7. Oi Magoi
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.