HAMMERFALL – Chapter V: Unbent, Unbowed, Unbroken

Pubblicato il 08/03/2005 da
voto
7.0
  • Band: HAMMERFALL
  • Durata: 00:50:48
  • Disponibile dal: 08/03/2005
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

La band di Oscar Dronjak e Joacim Cans giunge (come recita il titolo) al quinto studio album, segnando dal punto di vista stilistico un deciso passo indietro nel tempo. Infatti, se già con “Crimson Thunder” il songwriting pareva ispirarsi maggiormente al metal classico degli eighties, in quest’occasione gli svedesi osano di più e vanno a sfornare un disco che sembra esser veramente nato in quel glorioso periodo. Date le premesse, il prodotto è destinato ad un certo tipo di pubblico – che altri non è se non quello che ha sempre seguito gli Hammerfall – che di certo gradirà le dieci canzoni in esso contenute: la band appare in buona forma ed estrae dal proprio cilindro una serie impressionante di mid-tempo fieramente anthemici e metallici, forti di una perizia tecnico-esecutiva indiscutibile e di melodie e refrain sempre vincenti. La partenza è affidata a “SecretS”, un power metal melodico gustoso, in cui la band si lascia andare ad inedite inflessioni neoclassiche. Da questo momento in poi si inizia a viaggiare sui tempi medi di cui sopra, e l’accoppiata “Blood Bound”/”Fury Of The Wild” colpisce nel segno grazie ai suoi riff rocciosi e ai suoi ritornelli superbi, regalandoci forse i due episodi migliori dell’intero lavoro. “Hammer Of Justice” lascia spazio al lato più epico del sound del gruppo e qui i guitar-solo la fanno da padrone; “Never, Ever” è l’unica ballad del disco, la migliore mai composta dalla band, realizzata in maniera molto matura e intensa, priva di qualsiasi tono melenso. “Born To Rule” segna un altro punto a favore per l’act svedese, così come la priestiana “The Templar Flame”. A questo punto spazio ad un breve ed intenso strumentale acustico che prepara la strada all’arrembante “Take The Black”, ottimo pezzo con cui si torna a correre, prima che cali il sipario sulle note della suite finale – novità assoluta per Oscar & Co. – di oltre dodici minuti, in cui Joacim duetta alla grande con il maligno Cronos dei Venom; i due integrano alla perfezione le loro voci ai continui cambi d’atmosfera del pezzo. I fan apprezzeranno senza ombra di dubbio la nuova fatica dei Templari del Nord, mentre chi non ha mai provato simpatia nei loro confronti non cambierà di certo idea dopo l’ascolto di quest’album, molto positivo, ma che non porta nulla di nuovo alla scena heavy metal.

TRACKLIST

  1. Secrets
  2. Blood Bound
  3. Fury Of The Wild
  4. Hammer Of Justice
  5. Never, Ever
  6. Born To Rule
  7. The Templar Flame
  8. Imperial
  9. Take The Black
  10. Knights Of The 21st Century
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.