HANSEN & FRIENDS – Thank You Wacken – Live

Pubblicato il 08/09/2017 da
voto
6.5
  • Band: HANSEN & FRIENDS
  • Durata: 01:16:38
  • Disponibile dal: 23/06/2017
  • Etichetta: earMusic
  • Distributore: Edel

Lo scorso anno il buon Kai Hansen ha deciso di festeggiare la sua carriera ormai trentennale con un album solista, in cui il chitarrista si affianca ad una nutrita schiera di amici e colleghi che lo accompagnano in questo party metallico cantando e suonando con lui. L’album, di cui abbiamo già parlato su queste pagine, è stato però preceduto da un’altra festa, durante il festival di Wacken: in quell’occasione Kai ha potuto presentare in anteprima le nuove canzoni, affiancandole ad una selezione di pezzi degli Helloween. Ad accompagnarlo sul palco troviamo sempre Eike Freese alla chitarra e Alexander Dietz al basso e Michael Ehrè dei Gamma Ray a sostituire Daniel Wilding, impossibilitato a partecipare. La scaletta scelta da Hansen per questo concerto potrebbe far storcere qualche naso: su dodici tracce, sette sono tratte da “XXX – Three Decades In Metal”, il che significa la quasi totalità dell’album: le canzoni vengono riproposte in maniera efficace anche se non sempre con risultati eccelsi. I brani veloci e più tipicamente power metal funzionano bene dal vivo, come l’iniziale “Born Free”, “Contract Song” e “Follow The Sun”, mentre tra i gli episodi meno riusciti contiamo l’anonima “Burning Bridges” e soprattutto la priestiana “Enemies Of Fun”, che dal vivo appare eccessivamente lunga e monotona. Molto buone, invece, le due composizioni che vedono la partecipazione di Clémentine Delauney, “Fire And Ice” e “All Or Nothing”: questi pezzi, infatti, mostrano un Hansen un po’ fuori dagli schemi, più malinconico e dimesso, che duetta con trasporto con la brava cantante dei Visions Of Atlantis. Per chi ha già avuto modo di sentire l’album solista pubblicato lo scorso anno, comunque, le vere chicche sono nella breve selezione dei pezzi degli Helloween: oltre alla classicissima “Ride The Sky”, infatti, Hansen ci propone una possente versione di “Victim Of Fate”, cantata in maniera efficace dall’ultimo acquisto di casa Gamma Ray, Frank Beck; rispolvera un grande brano (sottovalutato, come ci tiene a precisare lo stesso Hansen) come “Save Us”; e soprattutto due capolavori come “I Want Out” e “Future World” cantati da Michael Kiske in persona tra le grida di giubilo del pubblico, che aumentano ancora di più, se possibile, l’hype per il “Pumpkins United World Tour” in arrivo. Tirando le somme, dunque, abbiamo a che fare con un’uscita piacevole, sebbene non possa certo considerarsi indispensabile, vista la massiccia presenza di brani pubblicati in versione da studio meno di un anno fa che la rendono un po’ ridonante. Consigliato a chi ha amato alla follia “XXX – Three Decades In Metal”, oppure a chi ne volesse una valida alternativa abbellita dal resto del repertorio delle Zucche.

TRACKLIST

  1. Born Free
  2. Ride The Sky
  3. Contract Song
  4. Victim Of Fate
  5. Enemies Of Fun
  6. Fire And Ice
  7. Burning Bridges
  8. Follow The Sun
  9. I Want Out
  10. Future World
  11. All Or Nothing
  12. Save Us
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.