HATEBREED – The Divinity Of Purpose

Pubblicato il 05/02/2013 da
voto
8.0
  • Band: HATEBREED
  • Durata: 00.35.48
  • Disponibile dal: 25/01/2013
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Kingdom of Sorrow, Jasta, “For The Lions” e pure l’ultimo “Hatebreed” hanno esaudito la vena sperimentale di Jamie Jasta, re dell’hardcore che sentiva il decennale bisogno di sconfinare nel metal vero e proprio. Qualcuno l’ha presa come una crisi d’identità, altri non hanno potuto fare a meno di sottolineare quanto lo spostarsi in territori diversi dall’hardcore metallizzato, trademark dell’era “Perseverance” e “The Rise Of Brutality”, abbassasse gli standard qualitativi del gruppo. Indossate il paradenti perché la sperimentazione è finita, nel 2013 “The Divinity Of Purpose” rispecchia gli intenti degli autori, riassunti in una brevissima frase: “All pit, no shit”! Sentivamo bisogno di questa qualità, passione e intensità, in quella formula che unisce crossover thrash, groove metal e hardcore che ha influenzato tantissime formazioni e di cui il gruppo si è appropriato con lividi, sudore ed entusiasmo. Una maturità e una consapevolezza di sé che fanno padroneggiare tutta una serie di sfumature e di attitudini nelle sfere sopra citate, con stile, gusto e un senso di minacciosità incessante. L’asso nella manica sono gli innumerevoli cori che fermeranno il mosh per far esplodere il pit, la manciata di virate slayercore e, ci sentiamo di metterli in cima, gli slogan di Jasta. Jamie infatti non detta il tempo, comanda: i suoi ‘motivationals’ sono letteralmente da poster, e dominano i pezzi sino ad arrivare all’iperbole del doctore davanti ai suoi gladiatori nel chiedere “Who’s got more heart than you”? Rispondendo “NO ONE!” il coinvolgimento è obbligatorio come un riflesso incondizionato. Ed è solo uno l’esempio più eclatante di un festival di gang vocals che renderebbe fieri i Biohazard di “State Of The World Address”. Che dire della coppia Novinek/Lozinak? I loro riff potenti e brevi solos sono allo stato dell’arte, mentre Beattie e Byrne dettano ritmi di una sessione di crossift. Illegale per ogni tipo di atleta, quest’album è proteine, amminoaicidi e creatina allo stato sonoro, perfetto per il workout che vi porterà a vomitare Gatorade dallo sforzo. Vogliamo parlare dell’imponente artwork di copertina? Discutere sul minutaggio perfetto? Meraviglia quanto “The Divinity Of Purpose” possa eccellere rimanendo ancorato alla ricetta degli Hatebreed, ma non è quanto hanno sempre fatto AC/DC e Ramones? Quest’album premia la tenacia dei fan di vecchia data, e fa terra bruciata attorno a sé dettando nuovi standard per gli Hatebreed. Stronger than all.

TRACKLIST

  1. Put It To The Torch
  2. Honor Never Dies
  3. Own Your World
  4. The Language
  5. Before The Fight Ends You
  6. Indivisible
  7. Dead Man Breathing
  8. The Divinity Of Purpose
  9. Nothing Scares Me
  10. Bitter Truth
  11. Boundless (Time To Murder It)
  12. Idolized And Vilified
5 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.