HEIDEVOLK – Batavi

Pubblicato il 15/03/2012 da
voto
7.5
  • Band: HEIDEVOLK
  • Durata: 00:39:45
  • Disponibile dal: 02/03/2012
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Per i prodi guerrieri germanici Heidevolk provenienti dall’odierna Olanda non deve essere stato facile costruire un concept album basato sulla storia dei propri antenati, il popolo dei Batavi. I Batavi, infatti, storicamente furono degli affidabili alleati dei Romani e costituirono un’importante sezione della cavalleria degli ausiliari delle legioni romane. Bel problema per gli Heidevolk, che da sempre hanno basato i propri testi sulle tradizioni germaniche dei propri avi. Ma i Batavi, ad un certo punto della loro ‘allenza’ con Roma, divennero protagonisti di una sanguinosa ribellione all’Impero Romano e si allearono ad altri popoli germanici, alcuni dei quali capeggiati dalla sacerdotessa Veleda. A questo ed altri episodi storici analoghi gli Heidevolk si rifanno su questo nuovo, entusiasmante album. Era dai tempi del primo full length album autoprodotto “De Strijdlust Is Geboren” che la band di questi ragazzoni olandesi non riusciva ad esprimersi a livelli così convincenti. “Batavi” gode di un’ottima produzione, lo stile è quel pagan metal che ha permesso alla band di emergere in questi anni: semplice, epico e convincente. L’inizio dell’album presenta subito un paio di brani di grande pathos, del resto la band olandese con poche note riesce a riavvolgere il nastro del tempo fino ad arrivare ai primi secoli dopo Cristo, quando l’Europa era teatro del contrasto tra la civiltà romana e quella germanica. Il doppio cantato, che in pochi possono vantare, permette agli Heidevolk di essere molto incisivi, ma bisognerebbe usare i due cantati anche in modo separato con maggior insistenza, dato che il timbro di voce di entrambi i singer è molto piacevole. In brani come “In Het Woud Gezworen” il pagan metal degli Heidevolk è assai simile a quello dei Vintersorg degli esordi, dai ritmi sostenuti ed incalzanti, mentre per il pathos germanico evocato ricordano i maestri turingi Menhir. Il breve brano acustico  “Veleda” è il giusto omaggio ad una donna guerriera entrata di diritto nella storia e nella leggenda dei popoli germanici. Il meglio degli Heidevolk in “Batavi” è possibile ascoltarlo nel brano scelto dalla band, e a ragione, per il videoclip promozionale di questo album: “Als De Dood Weer Naar Ons Lacht”. A questa band non si potrà probabilmente mai chiedere di modificare il proprio stile di una virgola, ma finché gli Heidevolk riporteranno in vita con tinte così forti e realistiche le epiche gesta del passato che appartengono alla cultura continentale, nessuno potrà mai lamentarsi. Grande release che trasuda di sentimenti veri.

TRACKLIST

  1. Een Nieuw Begin
  2. De Toekomst Lonkt
  3. Het Verbond Met Rome
  4. Wapenbroeders
  5. In Het Woud Gezworen
  6. Veleda
  7. Als De Dood Weer Naer Ons Lacht
  8. Einde Der Zege
  9. Vrijgevochten
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.